Uccisa e data alle fiamme nel Cosentino: una condanna all’ergastolo

Cosenza – Ergastolo per Sergio Carrozzino, 46 anni, accusato dell’omicidio di Silvana Rodrigues De Matos, uccisa nel dicembre del 2015. La sentenza, che prevede anche un anno di isolamento diurno, e’ stata letta dopo 4 ore di camera di consiglio nell’aula di corte d’assise a Cosenza. Il giudice era Giovanni Garofalo. Carrozzino era presente in aula. Silvana sarebbe stata prima strangolata. Poi il suo corpo e’ stato dato alle fiamme, nei pressi del cimitero di Belvedere Marittimo (Cosenza), il 12 dicembre del 2015. Sergio Carrozzino dovra’ risarcire anche la famiglia della vittima, il centro Roberta Lanzino e il Comune di Belvedere Marittimo, costituitisi parte civile.
Carrozzino nel 2015 aveva terminato di scontare quindici anni di pena per l’assassinio del fratello del cognato di Silvana Rodrigues, ucciso nel 2002, quando la donna ancora viveva in Brasile. La donna era una musicista, sposata con un uomo di Belvedere, ed era uscita da casa di fretta, quella sera, per comprare un paio di collant che avrebbe dovuto indossare il giorno successivo ad un concerto. Dal video delle telecamere di sorveglianza e dalla testimonianza di un passante, si e’ potuto appurare che un uomo, che doveva essere Carrozzino, era salito a bordo dell’auto della donna, al posto di guida, allontanandosi, con la donna a bordo, dal parcheggio del supermercato. Il movente dell’omicidio sarebbe da ricondurre a fatti personali, legati a questioni passionali.

,