‘Ndrangheta: Cassazione annulla con rinvio ordinanza Tdl su Romeo

cassazione-roma660x45Reggio Calabria – La Corte di Cassazione ha annullato con rinvio l’ordinanza del Tribunale della Liberta’ emessa nel processo “Fata Morgana”, poi confluito nel processo denominato “Gotha”, nei confronti dell’avvocato Paolo Romeo. In particolare, la Suprema Corte ha annullato con riferimento a diversi capi di imputazione. L’annullamento riguarda la violazione della legge Anselmi e costituzione di una associazione segreta aggravata da finalita’ mafiose, della quale l’avv. Romeo secondo l’accusa sarebbe il capo e che avrebbe avuto tra i suoi fini quello di condizionare la Citta’ Metropolitana; inoltre vengono annullati sia il capo di imputazione sulla vicenda dell’estorsione aggravata da metodo e finalita’ mafiose ai danni dei coniugi Idotta-Fiore per la vicenda Perla dello Stretto che quello della turbativa d’asta aggravata relativa alla vicenda GDM in concorso con gli imprenditori Chirico e Frascati; nonche’ quello della turbativa d’asta aggravata per vendita di un immobile in Gallico. Confermata l’ordinanza, invece, solo per il capo di imputazione riguardo alla turbativa d’asta aggravata per un immobile sottoposto a esecuzione immobiliare. La Suprema Corte ha poi rigettato il ricorso proposto dalla Procura della Repubblica avverso la decisione del Tribunale di Reggio Calabria che aveva escluso la intestazione fittizia aggravata contestata al Romeo con riferimento alla avvenuta costituzione del circolo Posidonia. Con tale decisione la Cassazione ha confermato la inconfigurabilita’ del reato dando ragione alla difesa e al Tribunale. Gli avvocati Carlo Morace e Fabio Cutrupi, difensori dell’avv. Paolo Romeo, esprimono soddisfazione per la decisione della Corte di Cassazione.