‘Ndrangheta: estorsioni a pescatori, chiesto processo per 3

Vibo Valentia – Estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni dei pescatori di Vibo Marina. Con questa accusa la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro ha avanzato una richiesta di rinvio a giudizio nei confronti di Rosario Primo Mantino, 42 anni, di Vibo Marina; Francesco Fortuna, 23 anni, pure lui di Vibo Marina; Rosario Pompeo Tavella, 27 anni, di Vibo Marina. Il gup distrettuale ha fissato l’udienza preliminare per il 30 novembre prossimo. Secondo le indagini della Squadra Mobile di Vibo Valentia, con il coordinamento della Dda di Catanzaro, il 13 giugno 2015 due persone avrebbero partecipato – armate di bastoni – all’aggressione nei confronti di un pescatore. Le condotte di violenza e minaccia in danno delle persone offese sarebbero avvenute all’interno del porto di Vibo Marina al fine di costringerle, con metodo mafioso, a consegnare quantita’ di pescato – tonni da 30 chili ciascuno – senza il versamento del corrispettivo.