‘Ndrangheta: processo al clan Soriano, chieste 5 condanne

Vibo Valentia – La Procura generale di Catanzaro ha chiesto cinque condanne in appello nel processo contro il clan Soriano di Filandari, nel Vibonese, al centro dell’operazione antimafia denominata “Ragno”, scattata nel 2011 ad opera dei carabinieri della Stazione di Vibo guidati dal comandante Nazzareno Lopreiato, coordinati dall’allora pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, Giampaolo Boninsegna. Queste le richieste di condanna: 9 anni di reclusione a testa per Gaetano e Carmelo Soriano, padre e figlio; 10 anni ed 8 mesi per Giuseppe Soriano; 3 anni e 4 mesi per Graziella Silipigni; 2 anni e 6 mesi per Francesco Parrotta. Stralciata la posizione di Leone Soriano.
La Procura generale dopo le richieste di pena ha pero’ chiesto alla Corte di astenersi dal processo in quanto ha gia’ espresso un’anticipazione di giudizio decidendo su una misura di prevenzione che interessa Giuseppe Soriano. Gli atti sono stati trasmessi al primo presidente della Corte d’Appello di Catanzaro che dovra’ decidere sulla richiesta di astensione.