Lamezia: Omicidio Izzo-Molinaro, iniziate le arringhe difensive

Lamezia Terme – Si è tenuta stamattina davanti al Giudice Distrettuale di Catanzaro, il Gup Barbara Saccà, l’udienza a carico di Aldo Notarianni, Gianluca Notarianni, Pasquale Gullo, Antonio Villella e Vincenzo Torcasio imputati del duplice omicidio Izzo-Molinaro consumatosi all’interno del Bar Giampà sito in Via Del Progresso di Lamezia Terme il 06.12.2000. Dopo che alla scorsa udienza il pubblico ministero Elio Romano aveva concluso chiedendo trent’anni di reclusione per tutti gli imputati, oggi sono iniziate le arringhe difensive con l’intervento dell’Avvocato Lucio Canzoniere in difesa dell’imputato Gianluca Notarianni ( il quale ha fatto pervenire dal carcere una missiva con la quale dichiarava di assumersi la responsabilità dei fatti oggetto di contestazione) chiedendo, pertanto, il riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche e quella della minima partecipazione, mentre l’Avvocato Gianluca Careri contestando l’attendibilità dei collaboratori che accusano gli imputati e, in particolare, evidenziando le divergenze dichiarative di Giuseppe Giampà e di Angelo Torcasio, ha concluso per i suoi assistiti Antonio Villella e Vincenzo Torcasio chiedendone l’assoluzione con formula piena. Anche l’Avvocato Antonio Larussa ha concluso stamattina chiedendo l’assoluzione per il suo assistito Pasquale Gullo contestando anch’egli la credibilità dei collaboratori Giampà e Torcasio. L’udienza è stata aggiornata al prossimo 18 dicembre data in cui concluderà l’Avvocato Francesco Gambardella per i suoi assistiti.

,