Lamezia: Barbanti(Pd), non partecipa inaugurazione Polo Asp-Inail

Lamezia Terme – “Non parteciperò all’inaugurazione del Polo Integrato ASP-INAIL ex Centro Protesi INAIL di Lamezia Terme di lunedì 15 gennaio 2018”. Lo rende noto il deputato Pd Sebastiano Barbanti in vista dell’annunciata inaugurazione. Barbanti dichiara che “anni addietro, a fronte della dichiarata decisione dell’INAIL di recedere dall’impegno preso quindici anni prima per l’attivazione di un centro specialistico, comprensivo di una parte ospedaliera e di una officina protesica, gemello di quello principale di Budrio, avrebbero dovuto conseguire diverse possibilità. La prima più importante avrebbe dovuto essere quella di opporsi a livello parlamentare ed, invece, chi avrebbe dovuto opporsi si è dato da fare per favorire l’uscita dell’INAIL”.

A livello regionale, sostiene il deputato Pd “la precedente amministrazione di centrodestra si è posta sulla stessa linea d’intervento a favore dell’uscita dell’INAIL, preparando la partecipazione nella gestione della Azienda Sanitaria Provinciale sulla quale gravare la gestione e le spese. L’ospedale di Lamezia Terme, che poco o niente c’entra con il centro protesi INAIL, rientra nella gestione attraverso l’attivazione di 40 posti letto di riabilitazione ospedaliera. Tutta l’operazione è stata condotta senza dire cosa stava accadendo e senza far conoscere la tipologia della gestione e la spesa prevista, che finirà per gravare sui finanziamenti per l’attività ospedaliera e, quindi, sulle attività residue del nostro ospedale”.

“E – aggiunge – rifiutando qualunque possibilità di incontro e di chiarimento. Quella del non dire, dell’operare senza discutere rifiutando qualunque contatto e diniegando qualunque richiesta è una metodologia che non mi appartiene e che non condivido da qualsiasi parte viene proposta”.

“Poiché sono state impegnate risorse pubbliche – rimarca il deputato Barbanti – per quella costruzione destinata a quella funzione ed ulteriori risorse pubbliche per i cambiamenti per le nuove funzioni, ribadisco la necessità che i lametini vengano correttamente informati e che si adottino, ancora oggi ed anche dopo la prevista ennesima inaugurazione, le migliori soluzioni, nell’interesse della nostra Città e della Regione, tenendo conto di costi, benefici, di utilità e della disponibilità di locali dedicati alla riabilitazione che si vuole portare fuori, rischiando di impoverire ancor di più il nostro ospedale”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi