Elezioni: Mangialavori, percentuali eccezionali Fi in Calabria

Catanzaro  – “Sono profondamente onorato per la fiducia che tutto il popolo calabrese ha voluto accordarmi in occasione del voto per le politiche. Il grande consenso che ho ricevuto mi gratifica e al tempo stesso mi carica di responsabilita’ per il futuro, un futuro che mi vedra’ impegnato in prima linea nell’affrontare i tanti e gravi problemi che affliggono la Calabria”. E’ quanto dichiara il neo senatore di Forza Italia Giuseppe Mangialavori.
“Tutte le mie attenzioni – continua il parlamentare – saranno rivolte allo studio di soluzioni per affrontare le storiche criticita’ che attanagliano questa regione bella e sfortunatissima. Lavorero’ con impegno per cercare di migliorare le condizioni socio-economiche dei calabresi, per il riconoscimento dei loro diritti e per rafforzare l’orgoglio di appartenere a una grande comunita’ di uomini e di donne che vogliono impegnarsi per il riscatto di un intero territorio, nel tentativo di farlo finalmente uscire dall’isolamento in cui e’ stato relegato da politiche nefaste e a trazione nordista”.
Mangialavori, inoltre, esprime “soddisfazione per il risultato di Forza Italia in Calabria, dove il partito ha raggiunto percentuali davvero eccezionali, tra le piu’ alte in Italia. E’ la dimostrazione – aggiunge il senatore – che il lavoro portato avanti in modo assiduo nei territori ha infine pagato in termini elettorali. Purtroppo, nonostante la vitalita’ del partito azzurro, il centrodestra non e’ riuscito a imporsi in diverse realta’ regionali, e cio’ malgrado le ottime performance di tutti i nostri candidati. Alcuni esponenti di primo piano di Forza Italia, pur dimostrando il loro valore e la loro capacita’ di interpretare i bisogni della gente, pur ottenendo risultati che non hanno paragoni in altre parti del Paese, non sono riusciti a vincere i rispettivi collegi piu’ per demeriti altrui che propri. E’ indubbio, infatti, che il tracollo elettorale del Pd ha finito per avvantaggiare il Movimento 5 Stelle. Questa analisi vale soprattutto in Calabria, dove il sostanziale azzeramento del partito che governa l’Italia e la Regione da 5 anni ha drenato voti in favore della formazione grillina e ha danneggiato il centrodestra che, pur mantenendo alto il numero dei suoi consensi, si e’ ritrovato a dover affrontare un’onda anomala praticamente da solo, con effetti che si sono propagati principalmente nei collegi maggioritari. Archiviata la fase elettorale – conclude Mangialavori -, e’ arrivato il momento di rimboccarci le maniche e di lavorare assiduamente per raggiungere l’obiettivo di rendere la Calabria una regione piu’ moderna, piu’ civile, piu’ ricca, che abbia lo sguardo rivolto al futuro e che sia finalmente consapevole delle sue grandi potenzialita’”.