Nella società che cambia notizie che informano

Global  News  Calabria

REGIONE

LAMEZIA

SANITA'

 

PRIMO PIANO

 



































Asp Catanzaro: distretto Catanzaro Lido, prosegue la formazione per le figure impegnate nell’assistenza domiciliare con il progetto home care premium

Catanzaro, 31 lug. - Si è concluso il percorso formativo, promosso dal Distretto sociosanitario di Catanzaro Lido, che ha avuto come scopo la qualificazione di figure professionali già impegnate nell’assistenza a domicilio. Il corso, denominato “Prendiamoci cura”, è stato organizzato con la formula dei seminari tematici per una durata complessiva di 20 ore. Gli appuntamenti, animati dalle competenze e dall’esperienza dei docenti, tutti interni all’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro, hanno permesso ai partecipanti di acquisire conoscenze e strumenti di base sulle principali tematiche del lavoro di cura. I temi dei seminari hanno riguardato aspetti concreti quali: elementi di primo soccorso, abitudini alimentari corrette, tecniche di mobilizzazione, igiene degli alimenti e della persona, la relazione e la comunicazione con la persona non autosufficiente, le malattie della terza età.  Il corso ha avuto come destinatari quanti già lavorano, già badanti, con le famiglie prese in carico dal progetto di assistenza domiciliare denominato Home Care Premium, cofinanziato dall’Inps-ex Inpdap, unitamente ad un gruppo di familiari delle persone assistite. Per agevolare la partecipazione al corso delle figure individuate, il corso è stato realizzato in contesti diversi del Distretto, nel comune di Borgia dal 14 al 18 luglio e nel comune di Petronà dal 21 al 25 luglio. “Quest’iniziativa – puntualizza il responsabile del progetto Home Care Premium per il distretto di Catanzaro Lido, il sociologo Franco Caccia – s’inserisce in una più ampia azione di promozione ed innovazione del lavoro di cura su cui il nostro ambito ha puntato con decisione fin dall’avvio del progetto. Il tema dell’assistenza a domicilio costituisce la sfida del futuro, ormai prossimo, delle politiche di cura e della gestione della non autosufficienza. Un argomento da affrontare con l’ausilio di persone adeguatamente formate e con la capacità di sperimentare nuove soluzioni organizzative”.  Il corso ha riscontrato ampia soddisfazione tra i circa 100 partecipanti alle due edizioni. “La buona riuscita di questa nuova iniziativa di formazione – sottolinea il direttore del Distretto, il Dott. Maurizio Rocca – oltre per la qualità dell’impegno assicurato dal personale interno assegnato a questo progetto, è frutto di una costruttiva collaborazione con le amministrazioni comunali e con le associazioni presenti sul territorio. Mi piace sottolineare – conclude Rocca – come a Borgia ed a Petronà abbiamo svolto la formazione presso aule messe a disposizione dai rispettivi comuni. Una piccola ma positiva testimonianza di una politica della salute costruita sul territorio, con la partecipazione attiva delle istituzioni e dei cittadini”.


Sanita': la Calabria chiede di essere presente al tavolo
Catanzaro, 29 lug. - Presa di posizione della maggioranza regionale in merito alla questione sanita'. La presidente f.f. della Regione Antonella Stasi, i componenti della Giunta ed i capigruppo della maggioranza Ennio Morrone, Alfonso Grillo, Gianpaolo Chiappetta, Ottavio Bruni e Giulio Serra hanno diffuso oggi un comunicato stampa nel quale "si chiedono come mai la Calabria sia l'unica regione a non essere stata convocata all'ultimo tavolo sulla sanita', prima delle vacanze estive, in programma lunedi' quattro agosto. La Calabria merita rispetto, anche perche' ancora siamo in attesa di conoscere le determinazioni sul Commissario ad acta. Questa situazione di stallo, oltre a provocare incertezze sugli atti, crea un grave danno alla nostra regione". Il forte messaggio e' indirizzato soprattutto al Presidente del Consiglio Renzi, al Ministro della Salute Lorenzin e al titolare dell'Economia Padoan, ai quali viene sollecitato un intervento per ridare il giusto ruolo alla Calabria in questo particolare momento e in un settore delicato come la sanita'. Si ricordano nel comunicato gli sforzi fatti per risanare una situazione drammatica ereditata dalle precedenti gestioni, a cominciare dai risultati positivi prodotti dal Piano rientro sotto la gestione dall'ex Governatore Giuseppe Scopelliti. Un piano di rientro che ha consentito in primis la riduzione della spesa com'e' stato piu' volte certificato dal tavolo Massicci e dallo stesso Ministro Lorenzin. "La Calabria - conclude il comunicato - chiede pertanto di essere presente al tavolo del quattro agosto perche' ha le carte in regola per poter esprimere le proprie tesi sulla sanita' regionale".

 

 

 

Fecondazione: Santelli, spero non vere indiscrezioni linee guida
Roma, 26 lug. - "Mi auguro davvero che le indiscrezioni uscite" sulle linee guida dettate dal 'Comitato di Esperti' nominati dal ministro Lorenzin sulla fecondazione eterologa "non corrispondano al vero". Lo afferma Jole Santelli (FI), secondo la quale "in ogni caso, non saranno le norme attuative varate dal Ministero della Salute, perche' significherebbe il tentativo di vanificare nei fatti la decisione della Corte nel consentire la fecondazione eterologa".


 

 

Asp Catanzaro: Montepaone Lido, si conclude con un seminario all’aperto un anno di attivita’ di musicoterapia promossa dal Csm

Catanzaro, 25 lu. - Nell’ambito delle attività del CSM di Montepaone lido, diretto dal Dr Salvatore Ritrovato, si è svolto un seminario all’aperto del gruppo di Musicoterapia. L’evento di musicoterapia produttiva, ovvero registrazione olofonica con operatori e pazienti, è stato vissuto con grande partecipazione emotiva in una bella giornata preso il lago Acero, nel territorio di S. Vito sullo  Jonio, immersi in uno scenario naturale incantato e stimolante. Erano presenti gli utenti con l’équipe di musicoterapia coordinata dal Dr. Pisano e dalla Dr.ssa Caserta insieme agli altri operatori sanitari ed ai preziosissimi volontari. La tecnica si basa sull’induzione del rilassamento attraverso l’ascolto di suoni e musica. Validata da numerosissimi studi internazionali, è molto apprezzata dai pazienti in quanto vissuta come non invasiva e coinvolgente. Offre, infine, la possibilità di essere fruita in un contesto di gruppo che, generando dinamiche di condivisione, fa emergere sensazioni soggettive di grande e positivo impatto emozionale. Il laboratorio di musicoterapia del CSM ha concluso così un altro anno di attività pieno di soddisfazione per aver offerto ai sempre più numerosi utenti la possibilità di usufruire di una tecnica “dolce”, coinvolgente ed efficace, che offre risposte al bisogno di “salute mentale” a soggetti che vivono con difficoltà l’adattamento alle sollecitazioni che la loro esistenza propone.


Sanita': Pacenza, il Governo continua a guardare
Catanzaro, 25 lug. - "Questo governo si dimostra puntuale e solerte solo nell'imporre vincoli e restrizioni alla Calabria, ma quando si tratta di dover rispondere in prima persona per questa regione se ne infischia". Cosi' il presidente della III Commissione Sanita' Salvatore Pacenza in merito alla mancata nomina del successore di Scopelliti come commissario alla Sanita'. "Sono passati due mesi e mezzo - commenta Pacenza - da quando e' decaduto dal suo incarico l'ex commissario Giuseppe Scopelliti, ma tutto cio' al governo sembra non preoccupare. Anzi, pare che questo sia impegnato nell'imporre una indicazione di matrice politica alla guida della Sanita' calabrese, piuttosto che affidare l'incarico ad un tecnico. La Calabria, intanto, non ha piu' una guida che possa portare avanti i programmi in ambito sanitario e molte strutture sono al collasso e rischio chiusura proprio a causa dell'impossibilita' della Regione a produrre atti amministrativi in materia. Il governo non puo' chiedere solo lacrime e sangue a questa Regione con l'imposizione del piano di rientro e il conseguenziale blocco del turn over, senza intervenire quando e' chiamato a farlo e mandando cosi' in malora tutti gli sforzi compiuti in oltre 4 anni di regime commissariale austero e invalicabile. Si susseguono le riunioni del Consiglio dei ministri senza che, da questi, scaturisca il nome del nuovo commissario. Eppure quando e' stato il caso di applicare la legge Severino o di stabilire la data delle elezioni, il governo e' intervenuto con una rapidita' quasi inusuale per un paese come l'Italia. Ebbene, adesso, la Calabria chiede al governo centrale di intervenire per non far strapiombare questa regione in una nuova anarchia amministrativa che potrebbe generare sprechi e disavanzi cui dovrebbero rimediare, ancora una volta, i cittadini attraverso l'aumento di tasse e di tributi, o magari con una ulteriore razionalizzazione del sistema sanitario. E' facile dire no, ma nel garantire il diritto alla salute non dovrebbero essere utilizzati ne' criteri ragionieristici, ne' panegirici politici. Ci sono circa 40 milioni di euro di disavanzo da recuperare col Piano di rientro che potrebbero raddoppiare senza una guida commissariale, vanificando nel frattempo il sorprendente recupero di risorse effettuato dalla Calabria in questi anni. Liberare il bilancio della Regione dalla cinghia finanziaria costituita dal Piano di rientro significherebbe sbloccare risorse in favore di altri servizi assistenziali da offrire ai cittadini. Spero che il governo comprenda tutto cio'".

 

 

 

Copyright © 1999 - 2013 Prs Editrice. Tutti i diritti riservati