Sanita’: Riccio, comune Catanzaro deve far parte del tavolo paritetico

riccio-eugenio-czCatanzaro – “Le notizie che giungono sul futuro dell’ospedale Pugliese – Ciaccio e la relativa integrazione con il policlinico universitario “Mater Domini” impongono delle riflessioni scevre da ogni tipo di tecnicismo ma pragmatiche e attuali”. Lo afferma in una dichiarazione Eugenio Riccio, consigliere comunale di Catanzaro, per il quale “balza subito agli occhi che, nonostante le tante riflessioni sull’argomento, nessuno ha pensato di invitare al tavolo paritetico sull’integrazione delle strutture sanitarie catanzaresi il Comune di Catanzaro”. Per Riccio “la scelta di integrare le due strutture ospedaliere è senza dubbio una cosa auspicabile, allo stesso tempo, però, deve tenere conto non solo di vincoli organizzativi e gestionali ma anche delle ricadute che queste scelte hanno sul tessuto sociale della città”. A giudizio del consigliere comunale “la difesa della struttura ospedaliera Pugliese – Ciaccio, adeguata sia strutturalmente che funzionalmente, deve diventare per l’intera città, la difesa e la tenuta del tessuto sociale di un’importante zona del Capoluogo di Regione oltre a garantire servizi essenziali per i cittadini. In particolare – spiega – la cardiologia interventistica, a mio giudizio, deve rimanere presso il “Pugliese” al fine di assicurare un pronto intervento salvavita ai cardiopatici che, giornalmente, si recano al Pronto Soccorso in condizioni critiche”. E Riccio non ha dubbi “la presenza dell’Amministrazione comunale all’interno del tavolo avrebbe il ruolo di “garante” degli interessi dei catanzaresi”. Per il consigliere comunale “le proposte in tal senso non mancano” e quindi chiederà “al sindaco di inviare una formale richiesta per far si che il comune sia parte attiva in una questione che potrebbe incidere in maniera importante se non fondamentale sulla vita e sulla salute dei nostri concittadini”.

,