Estorsioni: processo “Odissea”, assolti in appello 8 vibonesi

Vibo Valentia – La Corte d’Appello di Catanzaro ha confermato l’assoluzione decisa in primo grado dal gup del Tribunale di Vibo Valentia per 8 imputati coinvolti nel processo nato dall’operazione denominata “Odissea” scattata nel settembre del 2006 con il coordinamento dell’allora pm della Dda di Catanzaro, Marisa Manzini, e indagini della Squadra Mobile di Vibo all’epoca diretta da Rodolfo Ruperti. Cadute le aggravanti mafiose, il procedimento era stato quindi trasferito alla procura ordinaria di Vibo. In primo grado, dinanzi al gup del Tribunale di Vibo, al termine di un processo con rito abbreviato, tutti gli imputati erano stati assolti. Assoluzioni confermate ora anche in Appello nei confronti di: Paolo Lo Bianco, Salvatore Sorrentino, Giuseppe Francesco Niglia, Filippo Gerardo Gentile, Antonio Tripodi, Giuseppe Sicari, Nicolino Pantaleone Mazzeo, Alessandro Ventre. Tutti gli imputati erano chiamati a rispondere, a vario titolo, dei reati di usura ed estorsione ai danni dell’imprenditore di Briatico Giuseppe Grasso e della moglie Francesca Franze’, divenuti in seguito testimoni di giustizia.

,