Rifiuti tossici: processo va avanti a Vibo, niente prescrizione

Vibo Valentia- Rigettata dal Tribunale di Vibo Valentia la richiesta di prescrizione per il reato di disastro colposo nel processo nato dall’operazione “Poison” che vede 12 imputati rispondere di disastro ambientale per aver gestito abusivamente – secondo l’accusa – 127 mila tonnellate di rifiuti pericolosi provenienti per la quasi totalita’ dalla centrale termoelettrica di Brindisi finiti illegalmente nella discarica degli impianti di San Calogero, nel Vibonese. Il processo “Poison” si trascina dinanzi al Tribunale di Vibo dal 2013 fra continui rinvii dovuti alla carenza di giudici, ad incompatibilita’ e ad udienze fissate in giorni festivi. Il nuovo giudice, Marina Russo, ha oggi deciso di andare avanti in quanto a suo avviso non sono ancora maturati i termini di prescrizione dei reati. Prossima udienza il 7 febbraio 2019.

,