Lamezia: BioAge organizza meeting europeo tra scienziati

FTMC-2_Pagina_web
Lamezia Terme – Il 16 e 17 Aprile 2015 la BioAge, società Lametina operante nel settore dell’elettronica e della ricerca, organizza in Lamezia Terme un meeting del Progetto di Ricerca Europea Appolo, finanziato direttamente dalla Comunità Europea nell’ambito del VII Programma Quadro, l’apertura alla stampa ed ai media è prevista per il giorno 16 dalle 18:00 alle 18:30. Il progetto di ricerca europeo Appolo rientra a pieno titolo tra i “grandi” progetti di ricerca, in quanto annovera ben 21 partner tra Industrie, PMI, Centri di Ricerca e Università. Le nazioni coinvolte nel progetto sono, la Lituania, la Germania, la Svizzera, la Finlandia, la Spagna, l’Olanda Israele, e l’Italia. I partner italiani coinvolti sono il Centro Ricerche FIAT, e la società lametina BioAge. Il progetto di ricerca Appolo, iniziato nel 2013 per una durata prevista di 4 anni, è stato approvato dalla Commissione Europea dopo aver passato una severa selezione. Il progetto Appolo è stato ritenuto strategico per lo sviluppo dell’ “Industria del Futuro”: con questa definizione si intende la promozione e lo sviluppo in Europa di un nuovo concetto di industria, che sia in grado di competere a livello globale grazie allo sviluppo e all’impiego di tecnologie e di processi innovativi, in grado di generare prodotti e servizi ad alto valore aggiunto. Questa visione di sviluppo dell’Europa ha lo scopo di creare un tessuto industriale che non sia più basato solo sulla competitività del costo del lavoro, terreno sul quale l’Europa non può competere con i paesi emergenti.
Il Progetto di Ricerca Apporlo si propone l’obiettivo di sviluppare nuove tecnologie e processi basati sull’impiego industriale dei raggi Laser. Lo sviluppo della tecnologia dei Laser è iniziato circa 50 anni fa, e trova applicazioni limitate in alcune filiere industriali, mentre le applicazioni innovative dei Laser, basate sui risultati della ricerca, hanno grosse difficoltà di penetrazione del mercato, e spesso sono implementate, con mezzi limitati, da piccole società di spin-off, nate in ambito accademico, che utilizzano i Laser esistenti in commercio adattandoli con difficoltà ai loro processi.
La Comunità Europea, con il progetto Apporlo, intende promuovere l’aggregazione e il coordinamento tra Industrie e PMI che intendono utilizzare Laser innovativi nei loro processi, con i Centri di Ricerca, le Università e le Industrie che sviluppano tecnologie Laser innovative, in definitiva si tratta della messa in rete di produttori e sviluppatori di tecnologia con le industrie e le PMI che li utilizzano. Un altro obiettivo del progetto Appolo è quello di creare un laboratorio europeo in grado di sviluppare, testare e validare tecnologie Laser innovative.