Incendio capannone consigliere a Cortale, solidarieta’ Bruno

rp_bruno_enzo_presidente-20-300x220.jpg
Catanzaro – “Ancora una intimidazione, ancora un vile gesto nei confronti dell’esponente di un’amministrazione comunale che quotidianamente, tra difficolta’ economiche e pratiche, cerca di dare risposte e garantire servizi alla propria comunita’. L’incendio ad un capannone di proprieta’ del consigliere di maggioranza dell’amministrazione comunale di Cortale, Raffaele Cantafio, guidata dal sindaco Francesco Scalfaro, arriva a pochi giorni da un’altra intimidazione rivolta ad un amministratore di questa provincia, il sindaco di Motta Santa Lucia, Amedeo Colacino”. E’ quanto afferma il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno. “Quello che ha colpito il Comune di Cortale, – dice – e’ il caso di ricordare, rappresenta l’ennesimo episodio criminale rivolto direttamente ad esponenti di un’amministrazione operosa e virtuosa – afferma Bruno -. Esprimere la solidarieta’ nei confronti di Cantafio, del sindaco Scalfaro e dell’intero consiglio comunale di Cortale e’ doveroso e sentito ma non superfluo. Esattamente come l’invito ad andare avanti lungo il percorso amministrativo segnato dalla legalita’ e dalla trasparenza delle azioni che non saranno in alcun modo condizionate dall’arroganza di chi non conosce altro linguaggio che quello della prepotenza. Dirsi preoccupati per quanto accade agli amministratori impegnati nell’azione quotidiana di governo non e’ banale: va evidenziata anche la necessita’ di aprire una piu’ ampia riflessione sui soprusi, sulla violenza e purtroppo sulla ferocia che possono colpire i nostri comuni – dice ancora Bruno -. Un confronto concreto che vada oltre le frasi di circostanza, per scongiurare il ripetersi di episodi criminali che troppo spesso riguardano non solo amministratori ma anche inermi cittadini, come nel caso della povera signora Antonia Rotella, a Catanzaro, vittima di una crudelta’ inaudita nel corso di una tentata rapina, sabato scorso, che le e’ stata fatale e alla quale rivolgiamo un pensiero commosso nel giorno dei funerali. I responsabili vengono individuati in tempi celeri grazie all’operato efficiente e coraggioso delle forze dell’ordine e della magistratura, a cui rivolgiamo sempre la nostra piena fiducia e la gratitudine per l’impegno profuso in ogni circostanza, proprio come nel caso di Catanzaro”.