8 marzo: Cisl, rilanciare protagonismo donne

cisl3-090216Catanzaro- “Da sempre l’8 marzo e’ una data significativa e importante. Tante sono le iniziative della Cisl per le politiche di genere. Proprio in quest’ottica, nei mesi scors,i le donne Cisl calabria hanno formulato un questionario, con l’obiettivo di stabilire e praticare altre forme di collegamento fra se’ ed il territorio, di rilanciare il protagonismo delle donne, dei giovani, della rappresentanza e mantenere e migliorare la rappresentanza nelle realta’ locali”. Lo affermano, in una nota, il Segretario Generale della Cisl Calabria, Paolo Tramonti, e il segretario regionale Rosy Perrone.
“L’intento – spiegano – e’ quello di formare ed informare sugli elementi e le variabili strutturali che caratterizzano da un lato i contesti territoriali di riferimento e dall’altro le principali categorie di bisogni presenti sul territorio, ma spesso in parte inespressi, in forma organizzata e compiuta. La Cisl regionale ha deciso di rispondere a queste richieste anche con la realizzazione di un progetto formativo adeguato. La Cisl Calabria guarda al futuro ed investe sulla formazione delle donne, sapendo che migliorare e garantire i livelli di rappresentanza e di capacita’ per contribuire allo sviluppo del territorio, affranchera’ le donne dal bisogno e da ogni tipo di condizionamento e da forme di violenza fisica o psicologica. Si tratta di un percorso formativo che aiuta a accrescere nei destinatari un complesso di conoscenze e competenze in grado di permettere di sviluppare e rafforzare la rappresentanza sindacale attraverso un’azione nel territorio, nei confronti delle istituzioni regionali e locali e delle altre parti sociali, per incidere in senso strategico su alcuni grandi temi legati alla condizione di genere e dei cittadini nel loro complesso. Ma cio – continuano – ‘ non esime dal ricordare che ancora in molte parti del mondo le donne sono vittime di violenza e discriminazione. Questa giornata deve essere un’occasione per riflettere sulle condizioni di vita della donna, su come migliorarla. La data dell’otto marzo e’ anche il ricordo e la testimonianza delle vessazioni che le donne hanno subito nel corso dei secoli, non dimenticando le tante discriminazioni che tuttora sussistono. Con l’augurio – concludono Tramonti e Perrone – che questo giorno sia un punto di forza per il proprio riscatto”.