Convegno: “Amore sbagliato: come uscire dalla violenza…”

Catanzaro – Il Centro Ascolto Stella del Mare, dopo qualche mese di meritato riposo, ha deciso di riprendere le attività associative organizzando,per giorno 26 Novembre 2019, un convegno dal titolo: “Amore sbagliato: come uscire dalla violenza”. L’evento, patrocinato dall’associazione forense Diritto di Difesa, si terrà alle ore 17.00 presso la bellissima e suggestiva Sala dei Concerti, a Palazzo de Nobili (sede del Comune di Catanzaro), in via Jannoni 68.
La manifestazione, che darà diritto a 3 crediti formativi preso il COA di Catanzaro, inizierà con i saluti istituzionali dell’avvocato Antonello Talerico (presidente dell’Ordine distrettuale avvocati Catanzaro) e dell’avvocato Giuseppe Costabile (presidente associazione forense Diritto di Difesa); l’introduzione sarà affidata alla dottoressa Stefania Mandaliti (criminologa forense e presidente dell’associazione Centro Ascolto Stella del Mare). Successivamente la parola passerà ai tanti relatori presenti: l’avvocato Rosalba Viscomi (presidente C.P.O. Ordine distrettuale avvocati Catanzaro), la dottoressa Donatella Soluri (presidente C.P.O. Provincia di Catanzaro), l’avvocato Paola Piccinini (segretario associazione forense Diritto di Difesa), la dottoressa Antonella Formicola (criminologa), il dottore Michele Varcasia (responsabile comunicazione A.M.I.) e infine la dottoressa Francesca Cuomo (psicologa clinica). La moderatrice dell’iniziativa sarà la giornalista Stefania Abbruzzo. Durante la serata verrà letta la poesia “Ombre” a cura della dottoressa Maria De Fazio e verrà effettuata una riflessione sulla violenza da parte del socio di Stella del Mare il dottore Marco Pugliese.
Amore sbagliato non è solo il rapporto tra uomo e donna: convivenza, fidanzamento e matrimonio, amore sbagliato è anche quello che si riscontra in famiglia per esempio tra genitori e figli.
“Il Centro Ascolto vuole prevenire la violenza- ha affermato Stefania Mandaliti-attraversola realizzazione di eventi che possano sensibilizzare i cittadini e lanciare così un percorso di prevenzione, che deve partire dalla famiglia. La famiglia – ha proseguito – spesso è il luogo nel quale si registrano frequentemente violenza sulle donne e sui figli. Stella del Mare – ha concluso – vuole riconoscere la donna come persona ricca di forte doti, soprattutto la forza e il coraggio; vuole dare voce alle donne che subiscono in silenzio, e vuole far capire che lo sbaglio è di chi compie questi comportamenti vili e crudeli”.