Corigliano: rendiconto 2016, avanzo di circa 12 milioni di euro

giuseppe-geraci-600x450Corigliano – Diminuzione dei debiti di circa 28 milioni di euro rispetto all’ultimo rendiconto del 2012. Diminuzione dei residui attivi di oltre 36,5 milioni e di quelli passivi di oltre 47,5 milioni. Sforamento, millimetrico, di un solo parametro (sui dieci prescritti per misurare la condizione di deficit strutturale di un ente locale) rispetto ai quattro con valori negativi riscontrati dalla Corte dei Conti per il rendiconto 2012. Abbassamento dell’indice di tempestività dei pagamenti correnti dai 172,93 giorni di ritardo nel 2014 (primo anno di misurazione) ai 115,95 attestati al 2016 con una proiezione a 101 giorni nel 2017. Miglioramento (nei saldi complessivi) delle entrate tributarie. 26,49% di riscossione al 31 dicembre 2016 a fronte del 15,54% nel 2015, con soglia di riscossione del 64,75%, maggiore di 9 punti percentuali rispetto all’esercizio precedente per i tributi più contemporanei. Da un disavanzo di amministrazione di 438.370 nel 2013 (a metà del quale si è insediato l’Esecutivo in carica) ad un avanzo di circa 12 milioni di euro nel rendiconto 2016.

Sono, questi, i risultati principali, confezionati nel rendiconto 2016 (approvato sabato 22 aprile, dal Consiglio Comunale) e che certificano come il Comune di Corigliano abbia finalmente cambiato marcia. – È quanto ha dichiarato, esordendo in assise civica, il Sindaco Giuseppe Geraci sottolineando sia il largo anticipo rispetto alle date fissate dallo Stato con il quale il Consiglio ha approvato tutti gli adempimenti finanziari sia il metodo della diffusa partecipazione preferito in tutte le fasi.