Cosenza: al Chiostro di San Domenico laboratorio cinematografico

Cosenza – Sabato 2 e domenica 3 febbraio la sala capitolare del Chiostro di San Domenico ospiterà le prime due giornate del laboratorio cinematografico diretto dall’attore e regista Sebastiano Rizzo e organizzato dalla Redfin Eventi di Emanuel Reda, con la collaborazione di For Lady Over33 e For Gentleman Over40. L’iniziativa è patrocinata dall’Assessorato al turismo e marketing territoriale guidato da Rosaria Succurro. Il laboratorio, diretto da Rizzo, candidato al David di Donatello per il film “Gramigna – volevo una vita normale”, tratto dal libro di Michele Cucuzza e Luigi Di Cicco, avrà una durata di 6 mesi e si concluderà a luglio. Al termine del laboratorio, sarà girato un cortometraggio, diretto sempre dal regista Rizzo, al quale prenderanno parte tutti gli allievi del corso. Le riprese del cortometraggio saranno girate prevalentemente nel centro storico di Cosenza e negli altri luoghi di interesse artistico e architettonico della città. “Il nostro patrocinio al laboratorio organizzato da Redfin Eventi e diretto dal regista Sebastiano Rizzo – sottolinea l’Assessore Rosaria Succurro – si ricollega alle azioni volte ad incrementare il turismo nella nostra città, con particolare riferimento al cosìddetto cineturismo che si è rivelato, in molte realtà del Sud (come la Basilicata e la Puglia) un eccezionale strumento per veicolare i flussi turistici. Riteniamo che la diffusione delle immagini della nostra città attraverso i film che qui sono stati e saranno girati potrà generare un riflesso importante non solo per veicolare Cosenza in un contesto nazionale, ma anche per generare l’effetto di far arrivare fino a noi coloro che, dopo aver visto questo o quel film, saranno tentati dal conoscere i luoghi dove è avvenuta la lavorazione”.
Alla realizzazione del cortometraggio del regista Sebastiano Rizzo collaborerà anche il regista cosentino Gianfranco Confessore. Il laboratorio si terrà, nella giornata di sabato 2 febbraio, dalle ore 14,00 alle 19,00, e domenica 3 febbraio, dalle 9,30 alle 15,00.