Castrovillari: la presenza ebraica nel parco nazionale del Pollino

Castrovillari – La tre giorni castrovillarese sulla presenza ebraica nel Territorio, che si sta aprendo nel Protoconvento francescano e che vede pure il capoluogo del Pollino interessato per aver accolto- un Tempo- una di queste comunità che ha abitato nella Giudecca- parte del rione Civita(il centro antico della città)-, è una full immersion multidisciplinare su quanto ci ha trasmesso questa presenza importante esercitando, per vivere- ci suggeriscono le memorie a riguardo-,l’attività di mercante e di artigiano, che la reseroforte, economicamente e politicamente, senza nulla togliere all’attività culturalesvoltae come testimoniòla cessione della loro scuola alla cittadinanza.

Una serie di fattori che esprimono chiaramente le ragioni dell’appuntamento legato all’identitarietà del luogo ed alla storia di Castrovillari, interessati da questi passaggi, commistioni e residenze che, integrandosi, hanno aiutato a costruire e far crescere l’esistente , con le sue dinamiche sociali, senza sperdere nulla, anzi ribadendo che diversità ed unità sono le categorie che in modo opposto, ma complementare, meglio descrivonol’assunto sulla capacità di essere insieme per.

Questo lo si ritrova nell’espressività, nella cucina e in tutto ciò abbraccia lavita quotidianacome rappresenteranno le testimonianze, i contributi e gli apporti appassionati, nel momento, oltre alcune capacità specifiche della ristorazione locale; queste ultime saranno impegnate nella proposizione di piatti semplici nati nella tradizione ebraica e approdati a noi per la caparbietà di voler trasmetteredei nostri avi, i quali avevano chiaro pure il ruolo dell’incontrarsi e della Tavola come convivio, offerta mutuata e con dovizia anche nella tre giorni rievocativa e propositiva.

Il calendario degli appuntamenti afferma e promuove, riccamente,tutto questo, esprimendo la portata e validità di un fase storica ancora ben impressa nella memoria culturale collettiva e personale, e bisognosa solo di essereancora riletta, per quello che porta in dote,con i giusti caratteri, strumenti e collegamenti per essere ulteriormente riguadagnata e posseduta con dignità.

“E’ la scommessa del progetto firmato dall’Associazione Oikos–sottolinea l’Assessore alla pubblica istruzione Giuseppe Russo per conto dell’Amministrazione Lo Polito, patrocinante e vicina a questo modo di prendere in considerazioneimpronte che hanno contribuito al cammino locale – premiato dalla Regione Calabria, che lo cofinanzia, nella consapevolezza diffusa che per conoscere un popolo ed i suoi tratti culturali, che hanno partecipato allosviluppodi un’area,bisogna comprenderne l’anima che viene declinata in ogni cosa,come la presenza ebraica esprime nel mondo, oltre che a Castrovillari e nel Pollino, grazie, inoltre, a una dedizione, pronunciata nel simbolismoin ogni manufatto,che esprime l’esigenza di raccontare e ripetere all’infinito e ovunque i fattori caratterizzanti del proprio popolo.”