Rimborsopoli: Bevilacqua (FdI), Oliverio si dimetta

francesco-bevilacqua-vibo
Vibo Valentia – “Tre provvedimenti di custodia domiciliare, cinque divieti di dimora in regione ed oltre due milioni e mezzo di euro sequestrati. L’operazione della Procura di Reggio Calabria sui contributi regionali destinati al rimborso delle spese istituzionali ed utilizzati, in realta’, per far fronte ad esigenze meramente personali mette in serio imbarazzo anche il presidente del Consiglio Matteo Renzi”. Lo afferma in una nota l’ex senatore vibonese di Fratelli d’Italia, Franco Bevilacqua, esponente di rilievo del partito in Calabria, il quale domanda “se Renzi sapesse dello scossone giudiziario che avrebbe colpito la giunta di Mario Oliverio”, ricordando le dichiarazioni in cui proprio “il presidente della Regione Calabria affermava di non poter completare la giunta non avendo Matteo Renzi ancora sciolto le riserve sui nominativi della componente renziana che avrebbe dovuto trovare collocazione nella giunta calabrese. Alla luce delle spese pazze dei consiglieri regionali calabresi – spiega Bevilacqua – sarebbe il caso che il presidente Oliverio si dimettesse perche’ pur non essendo personalmente coinvolto, su di lui ricade la responsabilita’ delle scelte, visto e considerato che gli assessori che lo affiancano nella gestione della Regione risultano tutti indagati insieme al presidente del Consiglio regionale e l’assessore De Gaetano e’ stato a suo tempo difeso da Oliverio che l’ha preferito a Carmela Lanzetta”.