A/3: Procura Castrovillari autorizza demolizione campate

viadotto-italia-08-300x225
Castrovillari (Cosenza) – La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Castrovillari, con un provvedimento depositato in tarda mattinata dal procuratore facente funzioni Simona Musco e dal sostituto Simona Manera, ha autorizzato l’Anas a procedere alle attivita’ di demolizione delle campate 11, 14, 15 e 16 del viadotto Italia dell’A/3, la cui stabilita’ era stata compromessa nei mesi scorsi dal crollo costato la vita a un operaio. La decisione dovrebbe consentire un’accelerazione degli interventi finalizzati alla definitiva riapertura del tratto autostrdale interessato.

Il crollo si verifico’ il 3 marzo scorso mentre erano in corso i lavori per la realizzazione del novo tratto autostradale tra Laino Borgo e Mormanno. L’evento provoco’ la morte di un giovane operaio rumeno, Adrian Miholca, che si trovava su un mezzo di cantiere, e la conseguente chiusura al traffico dell’arteria, con enormi disagi dovuti alla presenza di mezzi pesanti sulla rete viartia alternativa . Nelle scorse settimane, la Procura, autorizzando la ripresa dei lavori di consolidamento del nuovo viadotto, aveva escluso la demolizione delle opere indebolite dal crollo alla luce di una perizia tecnica che segnalava alcuni problemi di sicurezza.
Con il provvedimento odierno, fermo restando il sequestro probatorio e preventivo del cantiere, la Procura prende atto dell’impegno dell’Anas “a provvedere a porre in opera un apposito sistema di protezione passiva delle pile”. La magistratura autorizza quindi la demolizione “in piena conformita’ alle segnalazioni evidenziate dai CTU”. L’Anas, pertanto, come comunicato dal presidente Gianni Vittorio Armani ai magistrati, “al fine di gestire il rischio residuo derivante da un eventuale danneggiamentodelle pile 13, 14, 15 e 16 per il paventato crollo degli impalcati 14, 15 e 16”, provvedera’ a mettere in operas “un apposito sistema di protezione passiva delle pile, costituito da una struttura metallica di protezione integrata da un terrapieno di opportuna altezza”.

,