Comuni: Caridi, su proroga per bilancio profonda ingiustizia

rp_senatore-caridi-06-06-300x264.jpg
Roma – “La scelta del Governo di prorogare al 30 settembre l’approvazione del bilancio di previsione anche ai comuni siciliani, oltre alle citta’ metropolitane e province, e’ profondamente ingiusta e discriminatoria nei confronti di quei comuni che rispettano i termini o che sono in grandi difficolta’.” Lo afferma in una nota il senatore Antonio Caridi, membro del gruppo Grandi autonomie e liberta’, in merito alla conferenza Stato-Citta’, in cui si e’ deciso di prorogare il bilancio di previsione dei comuni siciliani al 30 settembre. “In Calabria ci sono tanti comuni che stanno vivendo momenti di grave difficolta’ – aggiunge Caridi – e che avrebbero bisogno di maggiore supporto da parte del Governo, cosi’ come ci sono tanti comuni che rispettano le regole e le scadenze imposte e non e’ possibile tollerare che per alcuni comuni, non si sa secondo quale criterio, venga fatta un’eccezione. Probabilmente qualcuno utilizza il suo ruolo istituzionale per il proprio tornaconto personale – prosegue il senatore – le regole devono valere per tutti, se si delibera una proroga al 30 settembre, tutti i comuni che ne hanno bisogno dovrebbero usufruirne. Questo e’ l’ennesimo schiaffo del Governo a tutti i sindaci che cercano di mandare avanti il proprio comune, rispettando le scadenze”.