S’impicca a Bologna e chiama amico a Ragusa, salvato suicida

rp_Ambulanza1508-300x194.jpg
Ragusa – Un trentenne ha tentato il suicidio a Bologna impiccandosi maldestramente nella sua abitazione e ha poi chiamato un suo amico che vive a Ragusa, dicendogli di aver bisogno di un’ambulanza. Il ragusano ha contattato la polizia e la sala operativa della questura ragusana si e’ messa in contatto con quella di Bologna. Gli agenti hanno raggiunto casa dell’aspirante suicida, che si era legato al collo due corde agganciate con moschettoni a una trave del soffitto, lo hanno liberato e affidato a un’ambulanda che lo ha portato all’ospedale Maggiore.