Caporalato: Molinaro (Coldiretti), “faremo la nostra parte”

Pietro-Molinaro-27-06
Catanzaro – “Dopo la firma del protocollo per il contrasto del caporalato e dello sfruttamento lavorativo in agricoltura promosso dai ministri delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Maurizio Martina, dell’Interno, Angelino Alfano, del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, e e firmato anche dalla Regione Calabria due sono subito le cose da fare – afferma Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria – per dare futuro agli immigrati sottraendoli allo sfruttamento del caporalato. L’approvazione del Disegno di legge 2217 di contrasto al caporalato che e’ in discussione in Parlamento e l’attivazione degli strumenti di contrattazione di secondo livello che possono contribuire all’emersione del lavoro e fare da barriera allo sfruttamento e al caporalato. Il protocollo ci chiama direttamente in causa e si fa strada un vero e proprio manifesto sociale che serve a dare valore alle imprese agricole e ai lavoratori e necessariamente dobbiamo concretamente attuarlo sul territorio. Possiamo e dobbiamo combattere due fenomeni odiosi – ha continuato -: spezzare la catena dello sfruttamento che sottopaga i prodotti agricoli e il lavoro nei campi e provoca la sofferenza e il caporalato. Fin dal 2010 non abbiamo mai sottovalutato il problema, e in particolare con l’iniziativa “Non lasciamo sola Rosarno coltiviamo gli stessi interessi” abbiamo denunciato e ci siamo battuti che non volevamo i lavoratori curvi e senza diritti e senza voce, affittati ai datori di lavoro dai ‘caporali’, individui che lucrano su una forma di intermediazione lavorativa illegale che sarebbe piu’ esatto definire riduzione in schiavitu’. Ma – prosegue Molinaro – serve una grande azione di responsabilizzazione di tutta filiera, dal campo alla tavola, per garantire che dietro tutti gli alimenti, italiani e stranieri, in vendita sugli scaffali, ci sia un percorso di qualita’ che riguarda l’ambiente, la salute e il lavoro, con una equa distribuzione del valore che non e’ possibile se ad esempio le arance nei campi sono sottopagate a 7 centesimi al chilo. Gli esempi positivi non mancano – continua Molinaro – nel ricordare anche l’accordo della Coldiretti Calabria con l’AIRC (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro) per le Arance della Salute per consentire la vendita e la distribuzione delle Arance della Calabria che rendono possibile un ritorno economico sostenibile per le imprese e una giusta remunerazione dei lavoratori. “E per questo dobbiamo impegnare le forze – ha ribadito Molinaro – in una operazione di trasparenza per combattere chi sfrutta e sostenere chi produce in condizioni di legalita’ come la stragrande maggioranza delle imprese agricole che in Calabria hanno assunto regolarmente circa 7mila immigrati oltre un settimo degli immigrati presenti in regione (circa un quinto gli assunti in Italia)”.