Enti locali: insediato nuovo consiglio autonomie

irto-eletti-calReggio Calabria – Il Presidente del Consiglio regionale, Nicola Irto, ha insediato ufficialment,e a Palazzo Campanella, il nuovo Consiglio delle Autonomie Locali della Regione. Il nuovo organismo, secondo quanto previsto dall’art. 2 della legge regionale 1/2007, e’ composto da 32 membri effettivi cosi’ distribuiti: i Presidenti delle Province; i sindaci dei Comuni capoluogo di provincia; nove sindaci di Comuni non capoluogo con popolazione non inferiore ai 5000 abitanti; tre sindaci di piccoli Comuni con popolazione inferiore ai 5000 abitanti; due sindaci il cui Comune fa parte di una Unione di Comuni; tre sindaci di Comuni montani; tre sindaci di Comuni di minoranza linguistica e due Presidenti di Consigli comunali. “Questo organismo – ha affermato Irto – svolge la delicata funzione di intervenire nei processi decisionali della Regione e di contribuire all’attuazione dei princi?pi di consultazione e cooperazione permanente tra i diversi livelli istituzionali. Si tratta di un ruolo di particolare rilievo in questa fase storica, in cui il sistema delle Autonomie assolve a sempre maggiori responsabilita’, in un contesto di crescente complessita’ dal punto di vista amministrativo e sotto il profilo finanziario”.
nicola-irto-600x450Il presidente Irto, nel richiamare le fonti normative costituzionali e statutarie del C.A.L., ha definito il Consiglio delle Autonomie Locali la “camera di compensazione tra le linee politico-istituzionali dettate a livello centrale e le esigenze dei territori: uno strumento in grado di dare nuovo impulso e forza al sistema delle autonomie calabresi, anche alla luce delle trasformazioni intervenute con la legge Delrio”. Nel preannunciare la disponibilita’ a “calendarizzare appena possibile, d’intesa con la Conferenza dei capigruppo, la seduta congiunta del Consiglio regionale e del C.A.L. secondo quanto previsto dalla legge”, Nicola Irto ha chiesto di valutare “una riforma del regolamento dell’organismo al fine di rendere i lavori piu’ snelli ed efficaci, anche alla luce delle importanti prerogative, soprattutto consultive, che la legge affida al C.A.L.”. Dopo l’intervento del Presidente del Consiglio regionale, Nicola Irto, sono intervenuti il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno e il sindaco di Cassano allo Ionio, Giovanni Papasso. Per Enzo Bruno, “il nuovo Consiglio delle Autonomie Locali deve rappresentare l’interfaccia lauria-irto-priolonaturale con la Regione ed il Consiglio regionale come rappresentanza dei territori. Il sistema delle Autonomie locali – ha rilevato Bruno – alla luce della legge Del Rio e delle proposte di Riforma costituzionale, e’ sottoposto ad una profonda rivisitazione da cui e’ possibile trovare giovamento. Da qui, e’ necessario – ha concluso – affrontare con spirito nuovo il rapporto Regione-Autonomie locali, ed il C.A.L. avra’ senza dubbio un ruolo di primo piano”. Il sindaco di Cassano allo Ionio, Giovanni Papasso, dopo avere sottolineato la necessita’ di una rivisitazione “delle funzioni e dei compiti dell’organismo alla luce dell’introduzione della Citta’ Metropolitana, dell’Unione tra Comuni e del concetto di ‘area vasta’, ha chiesto che il C.A.L. su importanti leggi di sistema della Regione, come il Piano regionale dei trasporti, sia coinvolto per le scelte di fondo che andranno a determinarsi”. Il Consiglio delle autonomie locali sara’ prossimamente riconvocato dal Presidente del Consiglio Nicola Irto per procedere all’elezione del nuovo Presidente dell’organismo.