Cgil: referendum, iniziative con la Camusso nel Catanzarese

Susanna-Camusso600x400Catanzaro – Continua la campagna referendaria promossa dalla Cgil, “Due si per cambiare il lavoro”, per l’abrogazione dei voucher e per la responsabilita’ solidale in materia di appalti. Volantinaggio per strada, camper che girano per l’Italia, interventi sui media dei dirigenti, social network invasi, fino quasi al porta a porta e’ l’impegno per far conoscere ai cittadini la posta in gioco. Due i quesiti promossi dalla Cgil: il primo per l’abrogazione dei voucher, definiti uno strumento “malato” che andrebbe “azzerato” a favore di “una riforma per una contrattualizzazione pulita e esplicita che regolamenti il lavoro occasionale”; il secondo per la responsabilita’ solidale negli appalti che riguarda milioni di lavoratori. Con il voto sui quesiti referendari, infatti, e’ in gioco, non solo la qualita’ del lavoro, ma anche la qualita’ della democrazia nel nostro Paese. Sono state raccolte 4,5 milioni di firme, depositate 8 mesi fa. Solo a gennaio la Consulta ha ammesso i referendum e la nascita del “Comitato per il si”, ma a oggi nessuna data per portare gli italiani al voto e’ stata fissata. Il sindacato preme per il voto entro il 15 giugno. Le iniziative della Cgil non intendono fermarsi e, per mercoledi’ 15 marzo e’ attesa nella provincia di Catanzaro proprio Susanna Camusso, segretario generale della Cgil. La Camusso partecipera’ a due iniziative: dalle 16:30 alle 18 si terra’ un’assemblea alla sede Abramo Cc di San Pietro Lametino nella zona industriale ex Sir e alle 18.30 inaugurazione della camera del lavoro di Acconia di Curinga.

Il 16 marzo a Cosenza, alle ore 10, Sussanna Camusso partecipera’ all’assemblea generale aperta, all’Universita’ della Calabria.
“L’arrivo in Calabria del segretario generale della Cgil – si legge in unsa nota dell’organizzazione sindacale calabrese – arriva nel momento piu’ delicato per la vita economica e sociale del Paese e della nostra regione. Tante sono le vertenze aperte in Calabria che ad oggi non hanno soluzioni. L’impegno della Cgil di rimettere al centro un grande piano nazionale e regionale per il lavoro accompagnato dalla sua difesa contro i voucher e gli appalti che precarizzano e tolgono la dignita’ ai lavoratori e’ l’obiettivo principale che verra’ affrontato nelle assemblee alle quali parteciperanno lavoratrici, lavoratori, pensionati, giovani delegati, Rsu, provenienti da tutta la Calabria”.