Altra tappa dedicata alla memoria delle tante vittime della S.S.106

andrea-crotoneCrotone – 104 chilometri in bici da Badolato (da dove è partito questa mattina alle 8:00), fino a Crotone, dove è arrivato intorno alle 14:30 per Adrea Fucile, di 32 anni, nella sua terza tappa sulla S.S.106 in Calabria (con oggi ha percorso in totale 260 chilometri). Oggi ha avuto anche un imprevisto: subito dopo Soverato ha forato una gomma che lo ha costretto ad una breve sosta (circa 15 minuti), per le dovute riparazioni.
Ad attenderlo ed ospitarlo a Crotone, gli amici dall’Associazione “Giovani Responsabili” un sodalizio da sempre impegnato esclusivamente al tema della Sicurezza Stradale. Si tratta dell’unica Associazione che accoglie ed ospita Andrea non è dedicata ad una vittima della S.S.106. Questa è stata una scelta dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” che nella tappa di Crotone ha voluto anche grazie all’importante iniziativa di Andrea, evidenziare l’importanza che riveste la Sicurezza Stradale coinvolgendo una delle migliori Associazioni presenti di Calabria, l’Associazione ”Giovani Responsabili” per l’appunto.
Andrea Fucile non è nuovo a questo tipo di esperienza: ha già attraversato 4 continenti, 58 nazioni, 147.000 Km; ha percorso 3.220 Km in bicicletta da Torino a Istambul, 4.000 Km in autostop. Appassionato di viaggi ormai incurabile è anche prossimo alla pubblicazione del suo primo lavoro “Girovaga(bo)ndo”, un libro in cui racconta tutto ciò che di strano gli è capitato in 10 anni di viaggi per il mondo. In questo contesto, essendo calabrese, ha voluto iniziare da Praia a Mare il giro della Calabria in bici e ieri, con il sostegno logistico dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”, ha iniziato il tuor lungo la costa jonica dopo aver completato la costa tirrenica.
Lungo il suo viaggio, Andrea, sta realizzando delle foto e, soprattutto, mediante una GoPro (una videocamera), sta realizzando dei filmati. Il suo obiettivo è duplice: da un lato mettere in risalto le tante bellezze paesaggistiche presenti lungo il percorso che sta attraversando e dall’altro c’è quello di evidenziare le grandi criticità che si presentano lungo la S.S.106 per chi la percorre (sia se si tratta di automobilisti che di ciclisti).
Domani, senza neanche un giorno di sosta, Andrea partirà alla volta di Calopezzati dove il suo arrivo è previsto orientativamente per le ore 12:00. Qui, ad attenderlo, sarà presente una delegazione dell’Amministrazione comunale di Calopezzati insieme al Presidente dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” Fabio Pugliese. Andrea riprenderà il suo cammino martedì mattina partendo da Calopezzati raggiungerà Roseto Capo Spulico concludendo il suo percorso di circa 400 chilometri lungo tutta la S.S.106 in Calabria.