Aeroporti: Oliverio, critiche ingiuste, abbiamo investito 24 mln

uno-oliverio-60x45Catanzaro  – Il Presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio, parlando a Camigliatello Silano, si e’ soffermato sulla situazione degli aeroporti calabresi e, in particolare, dell’aeroporto “S. Anna” di Crotone. “All’atto del nostro insediamento – ha detto Oliverio – abbiamo trovato gli aeroporti di Crotone e Reggio Calabria sommersi da una montagna di debiti prodotta dalle precedenti gestioni, che ha portato al fallimento delle societa’ e alle curatele fallimentari. A Crotone, a differenza di Reggio Calabria, la curatela fallimentare, malgrado la disponibilita’ della Regione a mantenere l’esercizio provvisorio e quindi l’attivita’, ha deciso nella sua piena autonomia, non condivisibile ma da rispettare, di disattivare dal 1* di novembre l’aeroporto, per le condizioni fallimentari in cui era stato ridotto. Nel frattempo – ha spiegato – noi abbiamo lavorato perche’ l’Enac, che ha il potere di controllo sugli aeroporti, espletasse immediatamente la gara per rideterminare i soggetti a cui affidare le gestioni degli aeroporti di Crotone e Reggio Calabria. L’Enac lo ha fatto ed e’ risultata vincitrice la Sacal, che e’ la societa’ che gestisce l’aeroporto di Lamezia Terme. Ora, mentre attendiamo che vengano espletate tutte le procedure per affidare a questa societa’ la gestione dei tre aeroporti calabresi, stiamo gia’ lavorando per individuare nuove compagnie disponibili a garantire nuovi collegamenti aerei tra Crotone e Reggio Calabria con il resto dell’Italia e dell’Europa. Questa e’ la situazione attuale. Non capisco, pertanto, – ha sottolineasto – le polemiche indirizzate contro il sottoscritto che non ha nessuna responsabilita’ nella gestione fallimentare di questi scali di fronte alla quale, pur avendone riconosciuto la gravita’, non ci siamo tirati indietro e abbiamo rilanciato, destinando agli aeroporti calabresi 24 milioni di euro: 12, il cui bando scade gia’ il 15 prossimo, per sostenere le compagnie che vogliono venire in Calabria e attivare nuovi collegamenti e altri 12, il cui bando sara’ pubblicato entro la fine di giugno, per attivare nuove rotte con citta’ e regioni dell’Europa e d’Italia che attualmente non sono collegate. Una decisione assunta anche e in conseguenza del fatto che alla guida di Sacal, che proprio di recente e’ stata travolta da un terremoto giudiziario, c’e’ una persona fortemente voluta e indicata da noi, un uomo di specchiata moralita’ e onesta’ come il Prefetto Arturo De Felice, che e’ stato anche Questore di Catanzaro. Una scelta – ha concluso il Presidente Oliverio – che garantisce tutti i calabresi e che e’ stata dettata non da convenienze o tornaconti personali, ma dall’idea, che guida tutta la nostra attivita’ di governo, secondo cui anche sul piano della legalita’ bisogna invertire la rotta ed aprire in Calabria una stagione nuova”.