Agricoltura: Coldiretti Calabria, comuni calabresi no accordo Ceta

Catanzaro -L’eventuale accordo fra Canada e Italia del Ceta – Comprehensive Economic and Trade Agreemen – mette in pericolo una quota rilevante dell’economia dell’agricoltura calabrese. Ecco perché dopo l’ordine del giorno contro il CETA votato all’unanimità dal Consiglio Regionale della Calabria, dalle Amministrazioni Provinciali e Città Metropolitana di Reggio Calabria, proseguono, anche durante il periodo estivo, l’approvazione delle delibere da parte dei comuni calabresi per dire no al trattato di libero scambio tra e Ue-Canada.“Tutto questo – commenta Molinaro presidente di Coldiretti Calabria – è una fondamentale azione di supporto dell’azione della Coldiretti che registra anche il rinvio della legge di ratifica nell’agenda dei lavori del Senato. “L’adozione delle delibere da parte dei comuni – prosegue – è un chiaro segnale che arriva dalla nostra regione a difesa dell’identità e della specificità del “made in Italy” agroalimentare che ha proprio nel legame con il territorio il suo valore aggiunto “Grazie alla risposta di molti sindaci – continua – si allarga di giorno in giorno il fronte che chiede al Governo e al parlamento di non compromettere il patrimonio del nostro settore primario e consegnare ad un mercato senza regole le nostre denominazioni d’origine. Sono proprio i prodotti a marchio di qualità ad essere più esposti al rischio di contraffazione. Un rischio da scongiurare con tutte le forze e il rinvio della ratifica in Senato è solo un primo obiettivo per tutelare proprio i prodotti della nostra terra e il reddito degli agricoltori”. Non è un caso infatti che contro il Ceta i primi a schierarsi con gli agricoltori sono stati proprio i consorzi di tutela delle tipicità calabresi “Il Ceta infatti, contrariamente a quando sostengono altri rappresentanti del mondo economico, non tutela la varietà e la distintività del nostro patrimonio agroalimentare, anzi dà esplicitamente il via libera alle imitazioni che sfruttano i nomi delle tipicità nazionali e locali e che sfruttano l’italian souding ingannando i consumatori. Adesso dopo questa corale espressione delle Istituzioni locali – conclude Molinaro – ci aspettiamo un sempre maggiore impegno e la condivisione da parte dei parlamentari calabresi”.