Comune Reggio: Pci, Giunta non ha senso del bene comune

Reggio Calabria – La Federazione reggina del Partito Comunista Italiano commenta la notizia relativa all’inchiesta della Procura della Repubblica che coinvolge la giunta comunale della citta’. “Sotto la lente d’ingrandimento della Procura – e’ scritto in un documento – sarebbero finiti una miriade di discutibili atti e delibere dell’amministrazione Falcomata’ che, fra l’altro, furono oggetto di fortissima e unanime indignazione dell’opinione pubblica. Atti e delibere che hanno rappresentato – si rimarca – la rapida e ingloriosa conclusione del rapporto di fiducia e del gradimento della citta’ nei confronti del sindaco dei selfie Falcomata’. Infatti – scrivono i comunisti – la vicenda “Miramare” coniugata alla vergognosa vendita ad un privato di una larga porzione di Parco Caserta rappresentano fatti gravissimi ed indelebili che costituiscono uno sfregio permanente nei confronti di Reggio e dei reggini. Si e’ trattato di episodi che hanno evidenziato l’assoluta mancanza del benche’ minimo senso del bene comune da parte della fallimentare giunta Falcomata’. In tal senso, auspichiamo che la Magistratura proceda con fermezza e vada avanti nella sua azione finalizzata al banale rispetto delle leggi e delle norme”. Nella nota si evidenzia, inoltre, che, “proprio in merito alla vendita ai privati di parco Caserta, il PCI ha formalmente presentato due dettagliati esposti alla Procura reggina. Nonostante la diffusione della notizia esplosiva concernente il coinvolgimento nell’inchiesta giudiziaria della giunta Falcomata’, dobbiamo drammaticamente registrare il trasversale ed assordante silenzio tombale che sta accompagnando questa vicenda”.