Gdf Ancona arresta latitante per bancarotta fraudolenta

Ancona – La Guardia di Finanza di Ancona, nel corso delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica dorica, ha tratto in arresto un cittadino italiano nato in Svizzera, gia’ latitante e protagonista di numerosi fallimenti e bancarotte. Il soggetto e’ emerso nell’ambito dell’ennesimo fallimento di altre due societa’, entrambe operanti nel settore delle confezioni ed accessori per l’abbigliamento, aventi la sede nei comuni anconetani di Senigallia e Filottrano.
Il nucleo di polizia tributaria di Ancona, nell’individuare le numerose responsabilita’, ha ricostruito diversi episodi di bancarotta patrimoniale e documentale. Le condotte sono state realizzate attraverso il ripetuto occultamento o distruzione delle scritture contabili, in modo da rendere difficoltosa ovvero impossibile, a posteriori, l’individuazione del patrimonio della societa’, le vicende commerciali della stessa e soprattutto le indebite distrazioni di somme di denaro, quest’ultime derivanti dall’alienazione dei beni dell’impresa, in modo da potersi ingiustamente garantire, ai danni dei legittimi creditori, l’illecito arricchimento. Il Procuratore della Repubblica di Ancona – a seguito delle condanne inflitte da parte del Tribunale per complessivi 7 anni e 6 mesi di reclusione oltre alle pene accessorie dell’inabilitazione all’esercizio di un’impresa commerciale per 10 anni e dell’incapacita’ ad esercitare uffici direttivi presso qualsiasi impresa per lo stesso periodo – ha emesso il conseguente provvedimento di esecuzione. Le successive indagini tecniche hanno consentito di localizzare nella citta’ di Lecce il condannato che, nel frattempo, aveva dichiarato di risiedere a Londra, iscrivendosi formalmente all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero.