Sanita’ e infrastrutture: Oliverio, garantire stessi diritti

Catanzaro  -“Appena eletto, la prima cosa con la quale ho dovuto fare i conti e’ stata quella di definire la Programmazione da presentate all’Unione Europea. E’ stato un lavoro intenso perche’ il 7 gennaio sono andato a Bruxelles per incontrare il Commissario Cretu e per dire: ci siamo, ci mettiamo all’opera. Dall’altra parte del tavolo si coglieva un clima di incredulita’. Abbiamo lavorato sodo e abbiamo programmato risorse importanti, decidendo obiettivi. Ora siamo in una fase nella quale quelle risorse stanno entrando nel sistema circolatorio dell’economia e della societa’ calabresi”. Lo ha detto il Presidente Oliverio durante un’iniziativa dell’Udicon che si e’ tenuta alla Fondazione Mediterranea Terina Onlus a Lamezia Terme. “Ci sono bandi che ogni giorno vengono pubblicati, consultabili sul portale della Regione. Tra questi un bando, che vede gia’ la graduatoria pubblicata, sull’imprenditoria giovanile in agricoltura: ci sono state 2.200 domande, giovani che noi vogliamo aiutare a intraprendere una strada perche’ nella nostra regione il settore agroalimentare e’ una risorsa importante. Il 27 di questo mese sara’ pubblicato un altro bando per nuovi progetti innovativi che vedono la nostra regione con le Universita’ calabresi nel gruppo di testa delle regioni innovative”.

 

Oliverio si e’ poi soffermato sul tema delle infrastrutture: “Noi abbiamo opportunita’ – ha detto – che dobbiamo saper cogliere e sulle quali dobbiamo sviluppare un giusto accompagnamento. Per ora il filone delle infrastrutture e’ quello che ha piu’ spazi. Per crescere abbiamo innanzitutto bisogno di rendere accessibile la nostra Regione dall’esterno e anche all’interno attraverso la mobilita’, i trasporti piu’ sicuri e piu’ veloci. Abbiamo lavorato per costituire una societa’ unica degli aeroporti, per la gestione unitaria, non senza difficolta’ perche’ i localismi sono sempre in agguato. Alla guida di questa societa’ ho chiamato un Prefetto calabrese perche’ si desse un segnale di legalita’ e trasparenza. La societa’ unica degli aeroporti calabresi sta rafforzando i voli su Lamezia, ha impedito che si interrompessero i voli su Reggio Calabria e ha fatto ripartire i voli da Crotone”. “Non partiranno i voli per una stagione, ma in modo stabile e strutturale perche’, per agevolare i collegamenti dall’esterno sulla Calabria, abbiamo investito risorse importanti – ha sottolineato Olverio – due bandi da 12 milioni ciascuno per tre anni per sostenere le compagnie ed agevolare la possibilita’ di istituire nuove rotte. Ricordo che nell’anno che sta per chiudersi abbiamo avuto il record delle presenze turistiche, non solo per la crisi nel Sud del Mediterraneo, ma perche’ abbiamo consentito questi collegamenti. Per le ferrovie invece abbiamo definito un programma per l’ ammodernamento ferroviario. Sulla parte jonica ci sono cantieri e lavori in corso, abbiamo destinato 530 milioni di euro per fare una infrastruttura che consenta la veloce percorrenza dei treni, per abolire i passaggi a livello e per ammodernare le stazioni. Un intervento che non veniva fatto dai tempi di Cavour. Per la Ferrovia tirrenica ci siamo battuti ed abbiamo ottenuto che la Freccia Argento non entrasse nella stazione di Napoli, recuperando 35 minuti. Stiamo lavorando inoltre per realizzare lo studio di fattibilita’ per l’alta velocita’ da Salerno a Reggio Calabria”.

 

Infine sulla sanita’ Oliverio ha sottolineato che “la Calabria e’ una delle regioni commissariate dal 2010. Non mi stanchero’ mai di dire ‘maledetto quel giorno in cui, di conseguenza, sono scattati una serie di vincoli’: il massimo di aliquote, i calabresi pagano il massimo di tasse, il blocco delle assunzioni. Il bilancio di sette anni di gestione commissariale, basandosi sui dati, e’ negativo. Nel 2010, la Calabria pagava alle altre regioni per la cura della salute dei suoi cittadini 200 milioni di euro. A distanza di sette anni ne paga 300. I calabresi che si curano fuori sono aumentati e non per patologie che richiedono alta specialistica, ma anche per malattie ordinarie, il che significa che c’e’ un problema di mancanza di fiducia nel sistema. Invece di riqualificare, di fare una operazione di riorganizzazione del sistema sanitario, si sono fatti tagli lineari, si sono tagliati servizi sul territorio per cui si ricorre maggiormente ai Pronto Soccorso. Ci sono responsabilita’. Questi sono i problemi che ho posto in maniera forte al Ministro Lorenzin dicendo che mi andro’ ad incatenare davanti a Palazzo Chigi se non ci sara’ un atto interruttivo”. “Questi sono i problemi posti – ha concluso Oliverio -. E’ mio dovere come Presidente della Regione e non mi piego davanti a nessuno. A me interessa che il cittadino calabrese abbia gli stessi diritti di quelli del Veneto, della Lombardia e dell’Emilia Romagna. Quindi io credo che noi abbiamo bisogno di una risposta netta. Aspetto questo. Riconvochero’ l’assemblea dei sindaci, riconvochero’ le forze sociali, anche voi, perche’ la Calabria non puo’ stare in queste condizioni”.