Truffe: anziani nel mirino, blitz in tutta Italia con 31 indagati

Roma  – Un centinaio tra estorsioni e truffe ai danni di anziani di tutt’Italia, per un “fatturato” di mezzo milione di euro, sono state messe a segno da 31 persone adesso smascherate dai carabinieri del comando provinciale di Reggio Emilia. I 31 truffatori sono coinvolti nell’operazione ‘Porta a porta’, eseguita dai militari in Puglia, Calabria, Lazio, Lombardia e Campania. Estorsione, rapina aggravata in danno di persone anziane o comunque in condizioni di minorata difesa, violenza privata e circonvenzione di incapace sono i reati contestati a vario titolo. Sono stati effettuati perquisizioni e arresti disposti in un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Reggio Emilia su richiesta del sostituto procuratore Maria Rita Pantani. I malfattori cercavano sulle ‘Pagine bianche’ persone con nomi propri che erano comuni nel primo ‘900, per avere cosi’ la certezza che si trattasse di anziani. Le vittime individuate in questo modo venivano contattate da telefonisti che si spacciavano per carabinieri, avvocati o agenti di societa’ assicurative e che comunicavano al malcapitato la notizia di un grave incidente stradale in cui era rimasto coinvolto un loro parente (generalmente un figlio o un nipote) chiedendo i soldi per risolvere i guai del loro congiunto. Circa 100 i colpi commessi in tutta Italia dai truffatori per un fatturato stimato in circa mezzo milione di euro: ogni truffa infatti fruttava non meno di 4.000 euro. Ma c’e’ stato anche il caso, in Liguria, di un’anziana derubata di preziosi e gioielli per 100.000 euro. Nelle intercettazioni telefoniche si sentono le vittime in lacrime dalla preoccupazione per i loro congiunti. In un’occasione un’anziana si e’ resa conto del raggiro e piangendo urlava dal balcone ai truffatori in fuga di restituirle almeno la fede del defunto marito. Nel corso delle indagini, grazie alle attivita’ tecniche condotte dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Reggio Emilia sono state colte in flagranza di reato 12 truffatori (4 arrestati e 8 denunciati) e recuperate somme e preziosi provento dei reati.