SS 106: Cgil aderisce a presidio, “basta vittime”

Reggio Calabria – La Cgil di Reggio Calabria – Locri aderisce al Presidio Democratico, indetto per il 14 ed il 21 aprile, dal Comitato dei Sindaci della Locride per ribadire il diritto alla mobilita’ ed alla sicurezza dei cittadini del comprensorio. “Da sempre denunciamo lo stato precario in cui versa la Statale 106, principale arteria di comunicazione della Ionica – dichiara Gregorio Pititto, segretario generale della Cgil Reggio Calabria – Locri – Siamo stanchi di contare le vittime su quella che puo’ essere drammaticamente definita una strada della morte. Difendiamo il diritto ad una viabilita’ di respiro europeo e ad una mobilita’ a sostegno dello sviluppo economico e sociale della Locride a dimostrazione del fatto che i cittadini di questi territori non sono cittadini di seconda serie. Con sconcerto – prosegue il segretario – prendiamo atto dei fortissimi ritardi nella esecuzione dei lavori del Ponte Allaro, nel Comune di Caulonia, che aggiungono disagi a comunita’ che gia’ soffrono per un sistema di viabilita’ insufficiente e poco sicuro. La CGIL – conclude Pititto – sara’ al fianco dei cittadini e dei sindaci dei Comuni della Locride per sostenere quante e quanti chiedono semplicemente di vedere riconosciuti i propri diritti primari”.