Migranti: Sposato (Cgil), “il governo deve fare la sua parte”

Catanzaro – “Accoglienza, inclusione, lotta allo sfruttamento e al caporalato, in opposizione a ogni spinta populista e razzista. Sono state queste le parole d’ordine che come Cgil abbiamo scandito a gran voce”. Lo afferma, in una nota, il segretario generale della Cgil Calabria, Angelo Sposato, commentando l’odierna manifestazione dei sindacati a Vibo Valentia. “Parole che – aggiunge Sposato – non abbiamo risparmiato di ripetere anche al Prefetto vicario del capoluogo, il quale ha avuto modo di riceverci a conclusione della marcia fatta anche in nome di Sako Soumalia, il giovane maliano e attivista per i diritti dei migranti, ucciso barbaramente a San Calogero. Parole, dunque, che abbiamo ben scandito affinche’ chiare arrivino alle orecchie del governo centrale, che proprio in questi giorni ha deciso la chiusura dei porti italiani, negando l’approdo di migranti ed avviando un braccio di ferro con le altre nazioni, giocando pericolosamente sulla loro pelle. Come Cgil – sostiene il segretario generale del sindacato calabrese – abbiamo chiesto un impegno preciso per contrastare il fenomeno dello sfruttamento e del caporalato, che in molti casi e’ collaterale alla ‘ndrangheta, e che naturalmente non riguarda solo i migranti, ma tutti i lavoratori e non solo del settore agricolo. Abbiamo chiesto uomini e mezzi, ben consci che in Calabria mancano circa 120 ispettori del lavoro: quindi e’ chiaro che il governo deve fare la sua parte”.

Secondo Sposato “servono azioni immediate e ben definite, che guardino alla tutela ed alla difesa di donne e uomini spesso lasciati soli alla loro sorte. Anche se i temi dell’immigrazione, oggi, vengono utilizzati per fare propaganda e demagogia, dobbiamo tenere sempre presente che la Calabria e’ una terra di immigrazione e di accoglienza, e dobbiamo riappropriarci delle ragioni umanitarie. Ne e’ un esempio per tutti Riace. Un modello che in questi anni, grazie alla lunga e illuminata visione del suo sindaco Mimmo Lucano, ha dimostrato che si puo’ riuscire ad organizzare un sistema di accoglienza degno di questo nome, che ha consentito oltre all’inserimento nel tessuto sociale e produttivo dei rifugiati, anche alla rinascita economica del borgo. Oggi pero’ – spiega il segretario della Cgil Calabria – tutto quanto fatto a Riace rischia di scomparire. Trecento persone, di cui bambini e donne, attendono che il Comune si veda assegnate le risorse economiche indispensabili per il proseguimento del progetto di accoglienza e integrazione. Il sindaco Lucano, infatti, non puo’ piu’ contare su strumenti finanziari idonei a portare avanti un piano lungimirante di convivenza fra popoli e fusione di differenti esigenze. Non possiamo credere che tutto cio’ possa finire per colpa della burocrazia. Per queste ragioni, confidando nella celere definizione da parte del governo delle istruttorie propedeutiche alla erogazione dei fondi stanziati per Riace. Come Cgil – conclude Sposato – ci stringiamo attorno al sindaco Lucano e a tutta la popolazione residente a Riace. Non spegniamo quella speranza. Restiamo umani”.