Legge regionale sulla polizia locale: convegno a reggio Calabria

Reggio Calabria -Un confronto a piu’ voci in cui si e’ avuto modo di conoscere ed approfondire meglio gli aspetti innovativi della nuova legge “Disciplina regionale dei servizi di polizia locale”. Questo il senso del convegno regionale ospitato nella sala “Giuditta Levato” ed introdotto dal segretario-questore del Consiglio regionale Giuseppe Neri, proponente della stessa legge (la n. 203/10^).
“Nel percorso di approvazione della legge regionale – ha detto Neri – dal sostegno iniziale del Prof. Viscomi, allora vice presidente della Giunta regionale con delega agli enti locali, al Consiglio regionale che ha licenziato il testo all’unanimita’ – ho incontrato grandi professionalita’ e grandi disponibilita’. Peculiarita’ e aspetti di un mondo che non conoscevo mi hanno aiutato a costruire l’impalcatura di una grande casa, qual e’ il comparto della Polizia Locale. Programmeremo un nuovo appuntamento per settembre per un ulteriore momento di confronto alla presenza del professore Viscomi che ha dato un contributo importante al conseguimento di questo traguardo. Sara’ importante – ha aggiunto – trasferire le novita’ introdotte perche’ gli enti locali siano accompagnati in questo percorso e messi nelle condizioni di applicare la legge. Adesso – ha concluso il segretario-questore – abbiamo il compito e il dovere, come Regione Calabria, di riempirla. La struttura di coordinamento avra’ questa mission: uniformare e standardizzare l’operativita’ del sistema di Polizia Locale in Calabria, attraverso un costante aggiornamento e l’obbligatorieta’ della formazione professionale. Sara’ questa la vera sfida da vincere”.

Al convegno regionale presenti dirigenti e comandanti dell’intera regione, i vertici ANCI, diversi esponenti del corpo di polizia locale e tutti i rappresentanti sindacali del settore (ANCUPM, ANVU, CISL, CGIL, CSA RAL, DICCCAP, LIPOL, PL, SULPL, SILPOL, SIAPOL, UIL, UPI).
Al tavolo dei relatori, Alfredo Priolo (esperto di Polizia Locale) si e’ soffermato in particolare sull’importanza della formazione permanente differenziata e sulla promozione di attivita’ di gestione integrata. “Occorre lavorare – ha detto – ad una costruzione piu’ definita dell’identita’ e dell’immagine del corpo di Polizia Locale, oggi frammentaria, nonche’ sulla reputazione, comunanza di comportamenti e valori che spesso si condividono dopo un percorso di formazione comune ed attraverso un lavoro anche con gli stakeholder, e cioe’ le Istituzioni e i cittadini”.
Da parte sua, il comandante della Polizia Metropolitana di Reggio Calabria, Domenico Crupi ha detto: “Oggi c’e’ uno strumento legislativo in piu’ che ci consente di lavorare meglio, grazie alla volonta’ dell’avvocato Giuseppe Neri e del professore Antonio Viscomi che hanno portato avanti questo percorso coinvolgendo tutte le parti tecniche presenti in questa regione. Una legge lineare, chiara e snella. Ora serve una nuova mentalita’ per recepire queste novita’ normative che pongono l’attenzione al sistema di sicurezza integrata e che danno un punto di riferimento rispetto al numero di unita’ di polizia locale che devono essere presenti sul territorio. Tantissimi Comuni, infatti, hanno come operatori di polizia locale una o due unita’ e questo e’ inconcepibile ne’ e’ ammissibile che siano chiamati a svolgere compiti diversi da quelli che si riferiscono alla loro funzione”.
Infine, nel sottolineare “il ruolo fondamentale del corpo di Polizia Locale in termini di sicurezza urbana e legalita’”, l’assessore alla Polizia Municipale del Comune di Reggio Calabria, Antonino Zimbalatti ha commentato: “Oggi e’ un giorno importante. Ringraziamo il segretario-questore Giuseppe Neri per il lavoro svolto con impegno ed oculatezza che da’ lustro alla citta’ e alla regione. Speriamo da questo momento in poi e con il supporto di voi tecnici, di produrre risultati sempre migliori nell’interesse della collettivita’”.