Ospedale Reggio: Abramo, serve confronto fra sindaci su sanita’

Catanzaro  – “A settembre invitero’ i sindaci delle citta’ capoluogo per aprire un tavolo di confronto con la Regione e individuare tutti insieme le soluzioni piu’ immediate ed efficaci alle tante criticita’ del sistema sanitario calabrese”. Lo ha affermato il sindaco di catanzaro, Sergio Abramo, commentando il caso dei pazienti con fratture che sarebbero state steccate col cartone all’ospedale di Reggio. “E’ un caso clamoroso e gravissimo ed e’ l’ennesimo segnale di cio’ che non va nel comparto salute della regione, che non riesce a far fronte alle emergenze che si ripropongono in maniera ciclica, e che fa acqua da tutte le parti per i motivi piu’ diversi, dalla cronica carenza di personale che spero venga mitigate dai concorsi autorizzati dal commissario Scura, al non sempre corretto e trasparente utilizzo delle risorse finanziarie. Si tratta di aspetti che contribuiscono, purtroppo, a minare la fiducia dei calabresi nell’affidabilita’ del servizio e che frustrano la professionalita’ di una classe di medici e infermieri preparata e competente”. “Non ho nessuna intenzione di aprire una polemica – ha sottolineato il sindaco -, ma solo di evidenziare una cosa ben nota a tutti: il sistema sanitario regionale ha bisogno di una cura da cavallo che lo faccia guarire da mali endemici e generalizzati. L’esempio del pronto soccorso del Pugliese-Ciaccio, proprio qui a Catanzaro, preso d’assalto quotidianamente da un’utenza che arriva anche dalle province limitrofe, puo’ senz’altro essere esteso ai pronto soccorso degli altri piu’ grandi ospedali calabresi: e’ l’indice dell’insufficienza della rete territoriale, che non riesce a dare risposte per cause che, per ritrovarle tutte, bisognerebbe tornare indietro di decenni”. “Credo che i sindaci dei capoluoghi di Provincia, che sono le massime autorita’ sanitarie sul territorio, unitamente alla Regione e alla struttura commissariale – ha proseguito Abramo – debbano fare sentire la propria voce con forza, nei confronti del Governo, coinvolgendo i parlamentari calabresi e avviando un processo finalizzato alla definitiva soluzione delle emergenze piu’ pressanti della sanita’. In questo modo e solo in questo modo si potra’ garantire una risposta realmente concreta ai cittadini”.