SS 106: Gallo, aprire i cantieri per il terzo macrolotto

Catanzaro¬† – Il capogruppo della Casa delle Liberta’ in Consiglio regionale, Gianluca Gallo, ha presentato un’interpellanza al presidente della Giunta regionale per sapere “se e come intenda adoperarsi per favorire la tempestiva apertura dei cantieri per la realizzazione del terzo Macrolotto “Sibari-Roseto Capo Spulico” della nuova strada statale 106 ionica”. Nell’atto di sindacato ispettivo, che Gallo ha depositato ieri in Consiglio regionale, il capogruppo della Cdl alla Regione ricorda tutto l’iter del progetto, ricordando in particolare che “con nota del 13 febbraio 2018 il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti chiedeva l’iscrizione all’ordine del giorno della prima seduta utile del Cipe del “progetto definitivo revisionato”, relativo ai lavori di’ costruzione del solo secondo lotto funzionale del Megalotto 3 della statale 106 Jonica” e trasmetteva la relativa documentazione istruttoria del progetto. Il Consiglio superiore dei lavori pubblici – rileva nell’interpellanza Gallo – formulava il parere numero 8 del 2018 nella adunanza del 16 febbraio 2018 sul “progetto definitivo revisionato”, ritenendo di poter dar corso “al successivo sviluppo progettuale, con la puntuale osservanza delle prescrizioni, raccomandazioni e indicazioni” di cui al parere stesso; con delibera del 28 febbraio 2018 il Cipe provvedeva all’approvazione del progetto definitivo e della relativa copertura finanziaria”.

Gallo poi scrive: “Il 9 maggio 2018 il presidente della giunta regionale convocava un incontro pubblico a Sibari per presentare il progetto, annunciando ufficialmente l’avvio dei lavori insieme all’amministratore delegato dell’Anas. Ad oggi, tuttavia, i lavori non risultano aver avuto inizio, con grande preoccupazioni delle popolazioni e delle amministrazioni locali, che da tempo ormai immemore attendono la realizzazione di un’opera per la messa in sicurezza di un’arteria stradale – sostiene il capogruppo della Casa delle Liberta’ vitale nei collegamenti, ma anche – nelle sue attuali condizioni – estremamente pericolosa e sede ogni anno di centinaia di incidenti, molti dei quali mortali. Secondo la denuncia dell’associazione “Basta vittime sulla statale 106″, il ritardo nell’apertura dei cantieri sarebbe da ricondursi a ripensamenti indotti dalla contrarieta’ al progetto da parte di’ alcuni parlamentari calabresi delle forze politiche appartenenti alla coalizione di governo dell’esecutivo guidato dal premier Giuseppe Conte”. Sulla base di queste considerazioni, con l’interpellanza indirizzata al governatore, Gallo chiede di sapere “se la Giunta regionale sia a conoscenza della vicenda: se e come intenda adoperarsi per favorire la tempestiva apertura dei cantieri per la realizzazione del terzo macrolotto “Sibari-Roseto Capo Spulico” della nuova strada statale 106 ionica”.