‘Ndrangheta: proseguono lavori immobile confiscato destinato a Polizia

Reggio Calabria  – Proseguono “speditamente” le procedure finalizzate a rendere operativa la nuova sede del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Palmi, collocata in un immobile confiscato alla famiglia di ‘ndrangheta dei Gallico ed assegnata lo scorso 10 luglio, alla presenza del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, dall’Agenzia dei Beni confiscati alla Polizia di Stato. Lo comunica la prefettura, aggiungendo che “il 12 settembre scorso, nell’ambito di una piu’ generale pianificazione disposta dal Prefetto di Reggio Calabria in sede di Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica e finalizzata alla piena fruibilita’ pubblica dei beni confiscati alle consorterie mafiose, si e’ proceduto alle operazioni di sgombero dello stabile in questione, occupato abusivamente da un congiunto della stessa famiglia. Il Questore di Reggio Calabria – prosegue la nota – ha immediatamente avviato l’iter di finanziamento ed ora si e’ in procinto di avviare i relativi lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza. La Piana di Gioia Tauro avra’, dunque, un ulteriore ed efficiente presidio di legalita’ a servizio di quel territorio e dei suoi cittadini. Il cantiere in relazione all’importanza logistica rivestita nell’ambito dei servizi di controllo e prevenzione e di ordine e sicurezza pubblica e’ costantemente vigilato da parte delle forze di polizia. Un ulteriore e importante punto di riferimento di legalita’ – si legge in conclusione – sara’, pertanto, a breve reso disponibile, attivo e pienamente funzionale”.

,