“Rotella fuori posto”, film omaggio all’artista catanzarese

Catanzaro  – Sara’ proiettato per la prima volta a Catanzaro sabato 20 ottobre, alle ore 18.30 con ingresso gratuito presso il Complesso del San Giovanni, il film “Rotella fuori posto”, omaggio al maestro Mimmo Rotella in occasione delle celebrazioni per il centenario della nascita del grande artista. A promuovere l’evento e’ l’assessorato alla Cultura del comune di Catanzaro, su iniziativa di Ivan Cardamone, che ha inteso offrire una vetrina importante per la presentazione in anteprima del lavoro cinematografico diretto da Eugenio Attanasio e sceneggiato da Davide Cosco, con la post-produzione di Nicola Carvello, nell’ambito di un progetto comunitario e regionale che ha visto la partecipazione di numerose realta’ artistiche e didattiche del nostro territorio. Cineteca della Calabria, Casa del Cinema – Comune di Catanzaro, Fondazione Rocco Gugliemo, Cineclub Cinemazaro, Zatita production, Accademia di Belle Arti, Liceo Artistico di Catanzaro e Istituto d’arte di Squillace hanno infatti a vario titolo collaborato per la realizzazione del film interpretato da Alessandro Haber e da attori calabresi del calibro di Eugenio Masciari, Diego Verdegiglio, Andrea Borrelli, Paolo Turra’, Pino Torcasio e Adele Fulciniti. Una particolare menzione per il compianto Maurizio Comito che in quest’opera ha lasciato la sua ultima commovente performance in un ruolo assolutamente speciale. “Parlare di Mimmo Rotella – raccontano Attanasio e Cosco – e’ come parlare dello spirito buono della citta’ che gli ha dato i natali in cui soffia sempre il vento della creativita’. Ma e’ anche il natio borgo selvaggio dal quale un artista va via per conoscere e confrontarsi con il mondo, per affrontare le avventure della vita, e poi tornare con una nuova consapevolezza.
“Rotella fuori posto” nasce come divertissement sulla figura prestigiosa e provocatoria di uno dei massimi artisti italiani del ‘900, ponendo degli interrogativi sull’arte contemporanea oggi, in un tempo in cui il dibattito si e’ pericolosamente sopito. Forse perche’ tutti si sentono artisti, come il protagonista, interpretato da Alessandro Haber, che torna in questa citta’ sulle tracce del mito di Rotella, e prova ad insegnare arte, in una societa’ che riconosce ormai pochissimo spazio agli artisti. Nel film appare anche Saverio Rotundo, un’altra anima buona della citta’ dei tre colli, che alla veneranda eta’ di novant’anni continua a produrre opere e ad esporre con l’entusiasmo di un giovane. Ad accompagnarci in questo viaggio nell’universo Rotella e’ Tommaso Trini, un insigne storico dell’arte che ci racconta l’artista e il performer, il provocatore e l’innovatore, coadiuvato da alcune straordinarie immagini d’epoca sul movimento del Nuovo Realismo, girate da Mario Carbone nel 1970 a Milano”.

,