Celebrazioni Scanderbeg, da domani Presidente Albania in Calabria

Cosenza – E’ l’eroe nazionale d’Albania, Giorgio Castriota, detto Scanderbeg. Quest’anno ricorrono i 550 anni dalla sua morte, avvenuta nel gennaio del 1468. La ricorrenza e’ il motivo della visita del Presidente della Repubblica di Albania, Ilir Meta, che sara’ in Calabria per tre giorni. Domani, 6 novembre, incontrera’, a Catanzaro, il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, mentre mercoledi’ 7 novembre sara’ la volta del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. In questo caso l’incontro avverra’ a San Demetrio Corone (Cosenza), capitale culturale delle numerose comunita’ di origini albanesi che si trovano in Calabria. Scanderbeg, principe albanese e re d’Epiro, fu un abile condottiero e diplomatico ed uni’ i principati d’Albania, organizzando una solida resistenza e bloccando per decenni l’avanzata dei turchi verso l’Europa. Per aver difeso il suo Paese e i valori religiosi cristiani dall’invasione musulmana, ottenne da Papa Callisto III gli appellativi di Atleta di Cristo e Difensore della Fede. In realta’ Scanderbeg inizio’ la sua carriera militare al servizio dei turchi, ma poi, quando ebbe l’incarico di affrontare una coalizione di eserciti cristiani per riprendersi la Serbia, influenzato dalla sua gente, disattese gli ordini del sultano e abbandono’ l’esercito turco, che fu sconfitto. Poi, assieme ad altri suoi 300 fedelissimi albanesi, decise di combattere per la causa nazionale albanese e in rapida successione conquisto’ tutte le fortezze occupate dai musulmani. E fu proclamato guida della nazione albanese. Piu’ volte, poi, sconfisse ancora in battaglia i turchi, accrescendo la sua fama e diventando un vero personaggio leggendario.

,