Lavoro: Sposato (Cgil), “Pronti a sciopero generale Calabria”

Catanzaro  – I sindacati calabresi devono essere pronti allo sciopero generale nella regione, qualora le risposte richieste per il mondo del lavoro non arrivassero. Lo ha detto, in occasione del congresso regionale del suo sindacato, il segretario della Cgil Calabria, Angelo Sposato. “Dobbiamo continuare – ha detto – la rivendicazione della piattaforma unitaria nazionale e tradurla in rivendicazione regionale. Siamo disponibili, da questo congresso, ad aprire un nuovo confronto regionale in capo alla Presidenza della Giunta regionale per un nuovo patto per il lavoro in Calabria da tenersi subito e con le priorita’ specificate. Ma non rinunceremo, qualora cio’ non dovesse tradursi in atti ed azioni concrete, a riprendere il percorso e le iniziative e le mobilitazioni unitarie, e chiederemo a Cisl e Uil – ha aggiunto – di non escludere, qualora dovesse rendersi necessario, il ricorso e la proclamazione dello sciopero generale. A partire dalla vertenza Lsu-Lpu, per la quale abbiamo occupato strade, porti, autostrade ed aeroporti. Non possiamo consentire arretramenti nella vertenza, per questo dobbiamo agire in coerenza e con l’innovazione che abbiamo messo in campo in questi anni, dicendo sempre la verita’ alle lavoratrici e lavoratori, che per venti anni ci hanno dato fiducia e riposto in noi una speranza di futuro, che ognuno di noi ha il dovere di ricordare e rispettare”.
Domani Cgil, Cisl e Uil manifesteranno a Catanzaro a sostegno della vertenza dei precari.