Sanita’: Oliverio, grande mobilitazione contro commissariamento

Catanzaro  – Il Presidente della Regione Mario Oliverio stamani, nel suo intervento nel convegno sulla organizzazione delle cure primarie, svoltosi a Feroleto, ha lanciato un forte allarme sugli esiti disastrosi della fallimentare gestione commissariale della sanita’ calabrese.
“Dopo otto anni di commissariamento non solo non e’ stato effettuato il rientro dal debito pregresso ma si e’ addirittura aggravato vorticosamente il deficit finanziario. Tutto cio’, ha affermato Mario Oliverio, e’ avvenuto nonostante il taglio indiscriminato di molteplici servizi territoriali ed ospedalieri. In quest’ultimo anno si registra addirittura un aggravio del deficit di oltre 70 milioni di euro. Cio’ comportera’ il blocco del turnover nella organizzazione delle piante organiche e saranno applicate le aliquote massime per le imposte fiscali. Mi auguro, ha proseguito Oliverio, che a fronte di questa drammatica condizione, che non garantisce i livelli minimi di assistenza e che vede accrescere il tasso della mobilita’ sanitaria passiva, cessi ogni forma di strumentalita’ politica e si affermi, invece, la consapevolezza che la cura della salute e’ al di sopra di ogni interesse politico e di parte”.

“All’attuale Governo nazionale – ha detto Oliverio- intendo rivolgere lo stesso appello che nel passato ho costantemente indirizzato ai precedenti Governi. Per quanto mi riguarda, non ho mai fatto sconti o rinunciare alla critica verso le gravi responsabilita’ ed omissioni che hanno caratterizzato l’azione dei governi del PD.
L’appello che rivolgo oggi al governo e’ quello che si decida, senza ulteriore indugio, la sostituzione dei vertici dell’ufficio del commissario ma anche quello di predisporre un atto interruttivo della procedura che scarica sui cittadini i costi e le gravi conseguenze di questa gestione fallimentare. I calabresi non possono essere penalizzati, non possono pagare per responsabilita’ che non sono loro ma delle rappresentanze statali a cui e’ stata affidata in questi anni la gestione del servizio sanitario regionale.
Nei prossimi giorni- ha concluso Oliverio- mi adoperero’ per attivare una campagna di mobilitazione e di consultazione dei territori e degli operatori sanitari per un pronunciamento di massa sulla richiesta che ho inteso rivolgere al Governo nazionale”.