Sbancamento su area a vincolo ambientale, sequestro e denunce a Scalea

Cosenza – I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Scalea hanno posto sotto sequestro un’area di 14.000 metri quadri in localita’ “Petrosa” di Scalea.
Durante una serie di controlli e’ emersa la presenza di uno sbancamento e, all’intero del cantiere, di cumuli di terreno e rocce da scavo e travi in cemento precompresso. Dagli accertamenti effettuati nel tempo e’ emerso che l’area in questione era sottoposta a vincolo paesaggistico e che non e’ stata rilasciata alcuna autorizzazione per il deposito temporaneo del materiale rinvenuto. Lo sbancamento nonostante fosse stato autorizzato era stato effettuato su una superficie maggiore di quanto autorizzata e una parte di quest’area sbancata e’ stata riempita e livellata senza essere autorizzata. Durante il controllo sono stati rinvenuti all’interno dell’area oltre ai cumuli di terre e rocce da scavo un cumulo di rifiuti di circa provenienti da demolizioni edili, pezzi di cemento, resti di piastrelle, materiale plastico vario, resti di imbarcazione, secchi di pittura, sacchetti di immondizia, materassi, residui vegetali. Inoltre si e’ accertato che la destinazione attuale del suolo non e’ conforme con il vigente PSC, perche’ l’area e’ destinata a ambito urbanizzato residenziale e intervento diretto per cui per tali opere era necessario il permesso a costruire .Pertanto si e’ proceduto al sequestro penale dell’area sbancata oltre che alla denuncia del vecchio proprietario del terreno, titolare di concessione edile, e dell’ amministratore unico della societa’ intestataria del terreno.

,