Medico aggredito: Cisl, inefficienze sanita’ ricadono su personale

Crotone – “Non e’ possibile che sul personale sanitario vengano scaricate inefficienze e carenze fino al punto di arrivare a fatti cosi’ incresciosi come quello verificatosi a Crotone”. Lo affermano, in una nota, il segretario generale della Ust Cisl Magna Graecia, Francesco Mingrone, e il segretario della Fp Cisl, Luigi Tallarico, che esprimono solidarieta’ a Maria Calindro, medico dell’ospedale civile “San Giovanni di Dio” di Crotone, aggredita e ferita mentre stava lasciando il presidio al termine del turno di lavoro da un uomo, poi bloccato dalla Polizia, che l’ha colpita al collo con un cacciavite.
“La sanita’ calabrese – scrive la Cisl – vive, da ormai troppo tempo, difficolta’ molto serie. In piu’ occasioni abbiamo sollecitato un’azione piu’ incisiva da parte degli organi politici affinche’ vengano sanate le situazioni di disagio che si registrano in molte strutture della nostra terra e, in generale, nel sistema sanitario. Troppo spesso serpeggia nei cittadini il sentore che sia venuto meno il valore universale del sistema sanitario contaminato dall’economia e dalla politica. Occorre, quindi, intervenire – sostiene la Cisl -a tutti i livelli. Occorre dare risposte ai cittadini e mettere gli operatori del settore di lavorare in un contesto di serenita’ e tranquillita’. E soprattutto sicurezza”.

,