Criminalita’: carabinieri sequestrano beni per 370mila euro

Reggio Calabria – I carabinieri di Reggio Calabria hanno sequestrato, in due distinti interventi, beni immobili e finanziari, per un valore complessivo di 370 mila euro. In particolare si tratta di 70 mila euro, riconducibili ad Andrea Costarella, di 39 anni, di Melito Porto Salvo. L’uomo e’ indiziato di appartenere a vario titolo ad associazione di tipo mafioso ed in particolare alla cosca di ‘ndrangheta “Iamonte”, una delle consorterie criminali piu’ agguerrite del mandamento ionico che esercita la propria egemonia sul territorio di Melito Porto Salvo.
Le risultanze prodotte dal Nucleo Investigativo reggino, sulle quali il provvedimento si fonda, derivano dagli esiti dell’indagine “Ada”, che si concluse con la condanna in primo grado, confermata in Corte d’Appello, alla pena in 7 anni e 4 mesi. L’altro provvedimento riguarda il sequestro di beni riconducibili al patrimonio di Matteo Palumbo, di 48 anni, di Reggio Calabria, indiziato di appartenere alla cosca “Alampi”, attiva nel territorio di Reggio Calabria.
Le risultanze prodotte dal Nucleo Investigativo reggino, sulle quali il provvedimento si fonda, derivano dagli esiti dell’indagine “Rifiuti 2” , conclusa con la condanna in Corte d’Appello alla pena in 4 anni e 8 mesi.
Nella circostanza sono stati sottoposti a sequestro le quote di proprieta’ di due aziende e svariati rapporti bancari, polizze vita e prodotti finanziari per un totale complessivo di 300 mila euro.

 

,