Appalti Calabria: Riesame conferma obbligo dimora per Oliverio

Catanzaro – Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha confermato l’obbligo di dimora per il presidente della regione Calabria, Mario Oliverio. Il Governatore e’ accusato di abuso di ufficio, e di recente anche di corruzione, nell’ambito dell’inchiesta “Lande desolate”, in merito all’assegnazione di alcuni appalti. Oliverio, quindi, continua ad essere sottoposto all’obbligo di dimora nel suo comune di residenza, San Giovanni in fiore, nel Cosentino.

La decisione del Riesame riguarda l’accusa di abuso di ufficio contestata al governatore calabrese in riferimento alla gestione dell’appalto della sciovia di Lorica. La conferma della misura cautelare e’ arrivata il giorno successivo all’udienza del Riesame, udienza durata due ore, e nella quale si e’ discussa la richiesta di revoca dell’obbligo di dimora per Oliverio,presentata dalla difesa del presidente della Regione, che ha respinto ogni addebito. Il Riesame, invece, ha ritenuto valide le accuse della Procura, confermando la misura cautelare disposta dal gip. Sempre nell’ambito della stessa inchiesta, “Lande Desolate”, nei giorni scorsi la Procura di Catanzaro ha notificato un nuovo avviso di garanzia a Oliverio contestando anche l’accusa di corruzione.