Rapine e furti, tre arresti della Polizia tra Lamezia e Reggio

Lamezia Terme  – Tre persone sono state arrestate nell’ambito di un’operazione condotta dal Commissariato di polizia di Lamezia Terme e dalla squadra Mobile di Reggio Calabria dopo una rapina ai danni di una ottantenne, avvenuta a Lamezia a febbraio 2018. Le indagini hanno, pero’, permesso di accertare l’esistenza di una vera e propria banda che si occupava non solo di rapine, ma anche di furti di auto e di ricettazione, fino ad un caso di trasporto e detenzione di droga. In manette sono finiti: Luigi Bevilacqua, 51 anni, residente a Lamezia Terme; Domenico Claudiano Pellegrino, 29 anni, di Reggio Calabria; Patrizio Morello, 29 anni, di Reggio Calabria ma gia’ detenuto nel carcere di Catanzaro. L’indagine e’ partita dopo la rapina nei confronti dell’anziana, scaraventata a terra per portarle via la borsa con all’interno del denaro. Risalendo all’autovettura utilizzata dai malviventi, si e’ scoperto che i tre avrebbero anche portato a termine numerosi episodi di furti di autovetture, consumati e tentati, a Lamezia Terme, Catanzaro e zone limitrofe. Le autovetture venivano spesso smontate e le parti rivendute sul mercato nero. In una occasione, inoltre, si e’ appurato il trasporto e detenzione illecita di stupefacenti. Le indagini hanno permesso al sostituto procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, Marta Agostini, di chiedere la custodia cautelare in carcere che e’ stata concessa dal giudice per le indagini preliminari di Lamezia Terme, Emma Sonni. Bevilacqua e’ stato cosi’ condotto nella casa circondariale di Siano a Catanzaro, Pellegrino nella casa circondariale di Reggio Calabria.

,