Richieste’pizzo’a ristoranti e pizzerie, fermati 3 figli F.Amato

Reggio Emilia  – Richieste di estorsioni e minacce nei confronti di ristoranti e pizzerie di Reggio Emilia e Provincia, in una sorta di ‘programma’ fatto in casa con la consegna di bigliettini dattiloscritti seguiti da colpi di pistola rivolti alle attivita’commerciali. Queste le accuse nei confronti di tre fratelli calabresi, originari della piana di Rosarno, sottoposti a fermo di polizia giudiziaria dai carabinieri della Compagnia di Guastalla, assieme ai colleghi della stazione di Cadelbosco Sopra e del Nucleo Investigativo del comando Provinciale di Reggio Emilia. Le indagini, coordinate dalla procura reggiana, hanno messo la parola fine a una scia di terrore durata due settimane. I tre fermati sono figli di Francesco Amato, 55enne condannato per mafia nel processo contro l’Ndrangheta “Aemilia”, che nei giorni successivi alla condanna di primo grado si era asserragliato all’interno dell’ufficio postale di Pieve, a Reggio Emilia, con cinque ostaggi per poi essere arrestato dai carabinieri dopo 10 ore di trattativa.