Agricoltura: Coldiretti, appesantiti oneri trasformazione prodotti

Catanzaro – ” L’approvazione da parte del Consiglio regionale della proposta di legge “Norme per la lavorazione, trasformazione e confezionamento dei prodotti agricoli di esclusiva provenienza aziendale da destinare alla vendita diretta”, ancorche’ annunciata con una certa enfasi, invece di semplificare gli adempimenti per gli agricoltori va nella direzione opposta”. Lo scrive in una lettera il presidente di Coldiretti Calabria, Aceto , ai presidenti della Giunta regionale, Oliverio e del Consiglio, Irto, oltre che al direttore generale del dipartimento Agricoltura, Giovinazzo.
Secondo Aceto “la legge non arreca nessuna utilita’ per le imprese agricole calabresi, anche di piccole dimensioni, e le norme approvate, generano difficolta’ interpretative di non poco rilievo, tenuto anche del conto dell’insufficiente grado di coerenza che caratterizza l’intero articolato. Oltretutto – aggiunge – la legge non e’ per nulla originale: tutt’altro! Il suo contenuto si colloca nell’ambito di una iniziativa che aveva preso avvio su scala nazionale nel 2013 dal titolo “Campagna popolare per l’agricoltura contadina” ma che si era arenata poiche’ vi era il fondato rischio che si potesse oltrepassasse il proprio ambito di applicazione finendo per pregiudicare l’esercizio della vendita diretta dei prodotti agricoli, compromettendo in tal modo il processo di modernizzazione delle attivita’ agricole come definite ai sensi dell’art. 2135 codice civile”.