Ambiente: sequestrati impianti di depurazione nel Cosentino

Cosenza – I Carabinieri forestali di Montalto Uffugo, Cerzeto e San Sosti (Cosenza) hanno sequestrato tutti gli impianti di depurazione a servizio del centro storico e delle frazioni di San Vincenzo la Costa. Dalle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Cosenza e’ stato accertato che tutti gli impianti violavano la normativa ambientale, in alcuni casi in relazione alla qualita’ degli effluenti, in altri per la mancata gestione dei fanghi prodotti dall’impianto, che risultavano abbandonati da lungo tempo nelle vasche di essiccazione. Alcune vasche sono state trovate in stato di totale abbandono e invase da vegetazione In localita’ Greco lo scarico dei liquami prodotti dalle abitazioni e dalle attivita’ produttive della frazione avveniva direttamente da una conduttura, senza transitare per alcun impianto depurativo. Inoltre alcuni impianti a fosse “Imhoff” non sono stati sottoposti al previsto piano di smaltimento dei fanghi e dei reflui, causando la tracimazione e dispersione diretta dei liquami sul terreno e contaminando i corsi d’acqua e le falde acquifere. Infine, tutti gli impianti sono risultati privi di autorizzazione allo scarico. I militari hanno proceduto al sequestro di 7 impianti di depurazione dislocati su tutto il territorio Comunale di San Vincenzo La Costa e alla denuncia dei responsabili comunali per i reati di attivita’ di gestione di rifiuti non autorizzata e scarico illecito di reflui sul suolo.

 

 

,